Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

ULTIMISSIME: qualche fiocco possibile a 1.100m domattina presto sul Friuli

Una perturbazione da NE riuscirà a far filtrare aria fredda dalla Porta della Bora; vediamo le possibili conseguenze

In primo piano - 27 Settembre 2002, ore 15.05

Le nubi che stanno scorrendo sul Triveneto in queste ore annunciano il passaggio di un impulso freddo che entrerà in azione tra la sera e la notte prossima. Questa perturbazione pur puntando i Balcani, coinvolgerà anche parte delle regioni italiane di NE, portando in particolare delle nubi, localmente dense e minacciose, sul Friuli, parte del Veneto e la Romagna; infatti le correnti alle alte quote sono veloci e puntano verso S-SW, di conseguenza la traiettoria del fronte, proveniente dalla Germania orientale, non può che seguire tale direttrice. In queste regioni si verificheranno nella notte isolati rovesci che potranno risultare temporaneamente forti; soprattutto a causa dell’aria fredda che segue il fronte, le temperature subiranno un certo calo e durante le fasi più intense dei temporali, in montagna la neve potrebbe cadere addirittura fino ai 1.100-1.200m metri di quota principalmente nella notte. Nel corso di eventuali precipitazioni moderate o deboli, dovute magari al transito di nubi temporalesche in dissolvimento, la neve cadrà solamente oltre i 1300 metri. Il fenomeno si esaurirà nel corso della mattinata, quando le nubi si diraderanno; il vento però continuerà a soffiare piuttosto forte, specie sulle coste romagnole, quindi bisognerà tenere conto del freddo piuttosto pungente sia al mattino che durante la serata. C’è un altro fenomeno sul quale è interessante spendere qualche parola: il nucleo temporalesco che stamani ha coinvolto la Toscana per poi scivolare sulla Sardegna. Poche ore fa infatti avevamo previsto che tale ammasso si sarebbe spostato sul Lazio per poi scivolare ulteriormente verso sud; invece ha seguito una traiettoria diversa. Perché è accaduto questo? La motivazione è simile a quella che porterà l’aria fredda su parte del Triveneto: i venti alle quote medie, che pilotano i sistemi temporaleschi limitati in estensione come quello in esame, nella mattinata di oggi presentavano sul Mar Ligure una direttrice NNE-SSW; lo spostamento verso la Sardegna di tutto il sistema quindi viene spiegato a pieno; queste nubi adesso tendono a dissolversi in parte, perché la piccola perturbazione è stata agganciata da correnti in quota a curvatura anticiclonica sul Mediterraneo occidentale, e quindi un sistema isolato come questo non può che tendere a sfaldarsi. Tanto per renderci complicata la vita sembra però che entro sera riprenderanno vigore i venti a rotazione ciclonica che stanno investendo la nostra Penisola, così che l’ammasso sarà nuovamente pilotato verso SE sul Tirreno centro-meridionale e sulla Sicilia. Ma di questo eventualmente ne parleremo più approfonditamente in altri articoli.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 23.44: A8 Milano-Varese

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Fiera Milano e Barriera Di Milano Nord (Km. 5,6) in direzione V..…

h 23.36: A8 Milano-Varese

incidente

Incidente a Svincolo Di Legnano (Km. 16,3) in uscita in direzione da Milano dalle 23:32 del 23 se..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum