Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime Meteo LIVE: il modello americano "tradisce" ancora l'inverno...

L'ultima emissione del modello americano ed altre notizie.

In primo piano - 28 Dicembre 2015, ore 11.33

-La nuova emissione del modello americano a 72 ore vede il freddo da est coinvolgere maggiormente l'Italia, specie il nord e il versante adriatico. Il 31 dicembre alle 7 l'aria fredda sfonderà in parte sulla Valpadana e lungo tutto il versante adriatico, ma si tratterà di un afflusso di breve durata.

-La corsa ufficiale del modello europeo conferma l'arrivo di perturbazioni in serie sull'Italia tra il 2 ed il 3 gennaio e poi ancora tra il 4 ed il 5 con il flusso perturbato atlantico che proverà ad inserire le sue depressioni nell'area mediterranea, ma la media degli scenari (ENS) relativa allo stesso modello non vede alcun ingresso perturbato serio dopo il 3, bensì correnti da nord-ovest e tempo generalmente asciutto sino all'Epifania.

-Per sabato 2 gennaio il modello americano prevede l'isolamento di una depressione nell'area mediterranea con moderato maltempo sull'alto e medio Tirreno e al nord-ovest e con neve a bassa quota su Valle d'Aosta, vallate del Piemonte, ma con fenomeni che stenteranno a coinvolgere anche il settore centro-orientale dell'arco alpino.

-Per lunedi 4 gennaio la depressione coinvolgerebbe ormai solo il meridione e dietro ad essa proverebbe ad avanzare nuovamente l'anticiclone delle Azzorre, segnale di una corrente a getto comunque ancora sparata, figlia di un indice NAO sempre positivo, che in soldoni significa sempre alta pressione alle basse latitudini in Atlantico e depressioni vivaci sull'Islanda. Per noi il tutto si traduce in una corrente da ovest ancora un po' troppo tesa per regalarci il transito di fronti importanti. Speriamo ovviamente di sbagliarci, perché ora la pioggia serve davvero...

Dopo il 6 gennaio: ulteriore accelerazione della corrente a getto, peraltro sempre troppo alta di latitudine per coinvolgere il Mediterraneo con il suo trenino di onde perturbate. Così non pioverebbe e non nevicherebbe; l'alta pressione risulterebbe ancora una volta troppo invadente, insomma si tornerebbe allo status quo.
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.13: A23 Palmanova-Tarvisio

vento-forte

Vento forte nel tratto compreso tra Udine Sud-Tangenziale (Km. 13,6) e Pontebba (Km. 92,4) in ent..…

h 01.08: SS624 Palermo-Sciacca

incidente

Incidente a 1,695 km prima di Incrocio Altofonte (Km. 5) in direzione Incrocio Palermo - Tangenzi..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum