Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: uno sguardo al tempo previsto nella prima decade di maggio

Ben presto la prima ondata di calura portata dall'anticiclone africano, riuscirà ad interessare lo stivale italiano? Sembra probabile ma occorrono ancora ulteriori conferme.

In primo piano - 27 Aprile 2015, ore 21.00

Situazione attuale: giornata di tempo instabile su diverse regioni del Paese, precipitazioni concentrate soprattutto lungo i versanti di medio ed alto Tirreno e sulle regioni settentrionali, con qualche temporale sparso qua e là. Qualche schiarita concentrata solamente nel sud della Sardegna e sulla Sicilia, in un contesto di spiccata variabilità. Schiarite anche sui versanti adriatici ma meno estese e più effimere. Temperatura mite su tutto il Paese, nonostante la diffusa nuvolosità. Ventilazione tesa meridionale.

Ancora qualche giornata di tempo INSTABILE

Il grosso dell'offensiva perturbata sta riguardando proprio in queste ore lo stivale italiano, distribuendo diverse precipitazioni che interessano soprattutto i settori centrali e settentrionali italiani, minore il coinvolgimento delle aree meridionali. Non è finita qui, tra giovedì 30 e venerdì primo maggio, una seconda perturbazione attraverserà le aree settentrionali del Paese, prolungando le condizioni di instabilità soprattutto nelle aree interne e lontane dal mare.

Inizia un periodo nel quale i temporali e le relative manifestazioni di instabilità, tenderanno a rintanarsi nelle aree interne, escludendo così i settori costieri che potranno avere delle parentesi asciutte anche di considerevole durata. Tutto merito della parte avanzata della primavera che stabilisce un "bilancio energetico" differente rispetto alle altre stagioni. Siamo sempre più vicini all'estate e sempre più lontani dall'inverno, viene così agevolata l'instabilità sulle zone interne a scapito di quelle costiere. (durante la stagione autunnale accade l'esatto opposto)

Tenuto conto di questo, prima che una intensa ondata di calore possa coinvolgere alcune delle nostre regioni italiane, il periodo a cavallo tra la fine di aprile e l'esordio di maggio trascorrerà ancora sotto tempo incerto, con gli annuvolamenti che spesso prevarranno sulle schiarite, soprattutto sulle regioni settentrionali del Paese.

In seguito cosa succederà?

Anche l'aggiornamento serale del modello europeo conferma la previsione di calura ed anticiclone che sarebbe pronto ad interessare l'Italia già dalla prima decade di maggio. L'alta pressione di chiara matrice subtropicale, potrebbe determinare un'ondata di calura piuttosto intensa sulle regioni centro-meridionali, mentre al nord i valori termici sarebbero un po' meno eclatanti e l'instabilità potrebbe far capolino qua e là, soprattutto lungo Alpi e prealpi.

Tale situazione tenderebbe a rinnovarsi per diverse giornate, sin verso il termine della prima decade di maggio. La calura maggiore insisterebbe sul mezzogiorno d'Italia mentre al nord farebbe capolino un po' di instabilità ma senza troppe pretese.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum