Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: uno sguardo al tempo europeo ed alla circolazione emisferica

Una fase artica sull'Europa, un Vortice Polare più disturbato nella seconda decade di novembre, ecco i due elementi cardini conservati dalle previsioni sul medio e lungo periodo.

In primo piano - 6 Novembre 2017, ore 21.15

Situazione attuale: un'importante figura di bassa pressione tiene sotto scacco il tempo dello stivale italiano, laddove nubi e precipitazioni orbitano attorno ad un perno collocato sul Tirreno centro-settentrionale. Temporali intensi hanno coinvolto nelle ultime ore le regioni centrali e soprattutto meridionali, precipitazioni sparse con qualche colpo di tuono anche al centro e sulla Sardegna, NEVE a bassa quota sulle regioni del nord, specie l'angolo nord-ovest. Ventilazione molto tesa di tipo ciclonico, sensazione accentuata di freddo sulle regioni del nord e sulla Sardegna. 

Conclusa la fase di maltempo che sta tenendo impegnati i cieli del nostro Paese in questo scorcio di novembre, volgendo lo sguardo alla seconda decade del mese, la circolazione atmosferica sembra ormai decisa a mandare avanti uno standard di maggiore instabilità, nel quale il Fronte Polare sarebbe suscettibile di nuove ondulazioni che, a livello locale, restituirebbero un tempo più dinamico.

Quindi non più l'egemonia indiscussa degli anticicloni, e con essi i valori termici MITI così come li abbiamo potuti sperimentare nel mese di ottobre; la corrente a getto subirebbe diversi strappi che potranno regalare una certa continuità al nuovo standard atmosferico che stiamo sperimentando in questa prima decade novembrina.

Il disegno generale verrà conservato anche nel futuro, quindi vi sarà ancora una maggior tendenza al rinforzo degli anticicloni sull'oceano Atlantico, al tempo stesso vi saranno maggiori affondi d'aria fredda artica sull'est Europa e la Russia, queste regole generali saranno però inserite in un contesto nuovo, più ricco di scambi meridiani.

Sull'Europa e sul Mediterraneo verranno agevolati gli affondi di tipo artico oppure polare marittimo e questo sarà dovuto ad una maggiore predisposizione dell'atmosfera nel voler creare delle onde altopressorie proiettate verso l'oceano Atlantico settentrionale, importante sfumatura previsionale confermata anche questa sera dai modelli, la quale va ad inserirsi nel contesto più ondulato che vi stiamo descrivendo.

Allargando il nostro sguardo al Vortice Polare, quest'ultimo sarà anch'esso destinato a subire delle maggiori azioni di disturbo che ne restituiranno un aspetto meno compatto ed un comportamento più imprevedibile, il quale si ripercuoterà sulla predicibilità generale della circolazione atmosferica su scala più locale (europea). 

Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum