Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: un imponente raffreddamento nel nord-est Europa

Alla luce degli ultimi aggiornamenti, acquista importanza un raffreddamento imponente della temperatura che tornerà ad interessare il nord-est Europa nella prima decade di gennaio 2017. Restano tuttavia molto incerte le conseguenze per il nostro Paese, anche se appare probabile l'avvio di una fase più dinamica.

In primo piano - 28 Dicembre 2016, ore 21.20

Situazione attuale: aria fredda di origine nord-est europea torna ad interessare le nostre regioni centro-meridionali, laddove ritroviamo manifestazioni di instabilità concentrate soprattutto sui versanti del medio e basso Adriatico. Altrove le condizioni atmosferiche sono state governate ancora dalla presenza dell'alta pressione i cui effetti si inseriscono in un contesto piuttosto secco che regala belle giornate di sole. Ancora la presenza di Favonio molto mite ha portato la colonnina di mercurio sopra i +15°C su diverse località della Valpadana. Molto mite anche sulle coste del Tirreno e sulla Sardegna, annuvolamenti scarsi o assenti. 

Masse d'aria GELIDA tornano a sfiorare lo stivale italiano, l'alta pressione garantirà però una buona copertura almeno sino al termine del mese. 

Un rallentamento della corrente a getto ed ecco farsi strada sin da subito una nuova discesa d'aria molto fredda che in queste ore dalla Russia si dipana ai paesi dell'Europa orientale e sulla Penisola Balcanica, laddove troviamo tempo instabile e freddo. Tale nuvolosità va poi a confluire in una circolazione depressionaria con perno sull'Egeo che darà nelle prossime ore alcune manifestazioni di instabilità sulle regioni adriatiche del centro e del sud. Entro le prossime 48 ore un po' d'aria fredda riuscirà comunque a conquistare il resto del Paese, anche se gli effetti sulla circolazione generale saranno modesti, soprattutto al nord.

L'arrivo del nuovo anno porterà con sè nuovamente l'anticiclone che ci terrà compagnia soprattutto tra sabato 31 e domenica primo gennaio, l'ultima VERA parentesi di tempo stabile indirizzato al nostro Paese e sull'area centrale del Mediterraneo. In seguito potrebbe farsi strada un tipo differente di circolazione che descriveremo in questo secondo paragrafo. 

Uno sguardo alla prima decade di gennaio: grandi movimenti nell'atmosfera. 

La prima decade del gennaio 2017 sarà contraddistinta da un raffreddamento importante della temperatura che si farà strada sui settori nord-est europei, dove la colonnina di mercurio, secondo questi ultimi aggiornamenti, potrà scendere parecchi gradi sotto lo zero. Una discreta mole di questo freddo verrà poi trascinata verso le medie latitudini dell'Europa centro-orientale, laddove andrà a costituirsi una circolazione di venti settentrionali lungo il lato discendente dell'alta pressione di blocco in prossimità del Regno Unito

Sull'Italia gli effetti portati da tale circolazione rimangono ancora molto incerti, anche se appare probabile un certo raffreddamento della temperatura proprio sotto la festività dell'Epifania. La circolazione dei venti sempre di tipo settentrionale oppure orientale conserverà un trend secco soprattutto sulle regioni del nord, instabilità e precipitazioni potranno invece interessare il Mezzogiorno. 

Nel lungo periodo il modello europeo pone enfasi alla reiterazione di una vistosa onda anticiclonica sull'oceano Atlantico, perfettamente rispondente ai canoni di una ritrovata "meridianizzazione" che saprà tenerci col fiato sospeso. 

Seguite le news su meteolive.it


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum