Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: ritorno dell'alta pressione nel lungo termine?

Entro i prossimi 5-7 giorni sull'Italia si consumerà una fase abbastanza prolungata di tempo instabile e freddo, portata da una massa d'aria di origine artico-continentale sul nostro Paese. Tale fase di tempo instabile potrebbe però concludersi entro la terza ed ultima decade di gennaio con un nuovo rinforzo dell'alta pressione oceanica sull'Europa. Andrà davvero così?

In primo piano - 14 Gennaio 2016, ore 21.15

Situazione attuale: una debole perturbazione fa ingresso proprio in queste ore sul nostro stivale italiano, portando precipitazioni sparse che in queste ore si manifestano soprattutto sulle regioni centrali e settentrionali del nostro Paese. Nevicate si sono verificate sul nostro Appennino settentrionale. Ampie schiarite presenti soprattutto al meridione e lungo i versanti adriatici con temperature attestate su valori più temperati mentre freddo umido persiste sulle pianure del nord. Ventilazione moderata variabile, tendente a ruotare dai quadranti settentrionali col passare delle ore. Mari mossi. 

Un episodio di Favonio sancirà l'esordio del periodo di freddo sul nostro Paese. 

Proprio in queste ore un sistema frontale sta attraversando le nostre regioni settentrionali, portando con sè annuvolamenti intensi e qualche nevicata concentrata sull'Appennino centro-settentrionale. Trattasi dell'ultima perturbazione che anticiperà l'ingresso di una massa d'aria molto fredda sulla nostra penisola che porterà conseguenze sul tempo atmosferico italiano, soprattutto in corrispondenza del fine settimana. L'episodio di freddo verrà anticipato dall'ingresso di una ventilazione settentrionale che nella giornata di domani, venerdì 15 gennaio, spazzerà le nostre regioni settentrionali.

Un weekend movimentato sull'Appennino centrale e meridionale. 

L'arrivo del fine settimana (sabato 16 - domenica 17) sarà caratterizzato da una brusca accentuazione del freddo sul nostro Paese. Temperature assai fredde saranno marchio di fabbrica del tempo atmosferico italiano, laddove prevediamo per tutto il periodo preso in esame, una tesa ventilazione nord-orientale con rinforzi soprattutto sui settori tirrenici del Paese. Instabilità con NEVE a bassa quota soprattutto al centro ed al sud (versanti adriatici). 

Lungo termine; salgono le quotazioni sul ritorno dell'anticiclone sul Mediterraneo. 

Volgendo lo sguardo alla terza ed ultima decade di gennaio, tornano a salire le quotazioni per una rimonta dell'anticiclone oceanico sul Mediterraneo. Nelle previsioni relative alla giornata di ieri sembrava che tale ipotesi potesse essere quantomeno posticitata un po' più in là nel tempo, prolungando così la fase di freddo diretta al nostro Paese. L'aggiornamento odierno del modello europeo "spezza" un po' questa speranza, ponendo in risalto nuovamente l'intervento di venti secchi favonici sulle regioni settentrionali già a partire da mercoledì 20 gennaio.

In questo caso i venti favonici non indicherebbero l'arrivo di una massa d'aria fredda sul Mediterraneo ma bensì l'intervento dell'aria mite ed anticiclonica attraverso una corrente nord-occidentale in seno al fianco orientale dell'anticiclone delle Azzorre. 

L'espansione dell'anticiclone dinamico oceanico verso l'Europa, troverebbe risposta nel nuovo rinforzo delle vorticità zonali sull'oceano Atlantico settentrionale, evento messo bene in evidenza dalla nuova risalita dell'indice NAO (North Atlantic Oscillation) indicante giustappunto un ripristino del delta termico e barico in sede oceanica, con rinforzo inevitabile dei venti occidentali sull'Europa.

Tale fase dovrebbe avere una durata limitata nel tempo, in quanto nella sua generalità, il Vortice Polare versa ancora in condizioni di grande difficoltà, ma al momento è difficile ipotizzare un'uscita da questa situazione entro la fine di gennaio. Se così fosse, l'inverno riaprirebbe le danze solo con la successiva mensilità di febbraio. 

Seguite gli aggiornamenti. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 02.49: A4 Brescia-Padova

snowshowers

Nevischio nel tratto compreso tra Agrate (Km. 147,9) e Interconnessione A21 (Km. 223,5) in entram..…

h 02.45: A9 Lainate-Chiasso

snowshowers

Nevischio nel tratto compreso tra Allacciamento A8 Milano-Varese (Km. 10,7) e Svincolo Di Lomazzo (..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum