Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: ritorna l'anticiclone sull'Italia ,ma sino a quando?

Conclusa la parentesi di clima fresco e ventilato portato dall'aria fresca in discesa da nord-est lungo l'anticiclone arroccato nel Regno Unito, la circolazione atmosferica a livello europeo potrebbe in seguito presentare caratteristiche completamente diverse. Da un lato avremo il flusso di correnti occidentali oceaniche pronte a portare il loro contributo di fresco ed instabilità soprattutto sui settori occidentali del continente, dall'altro lato avremo l'aria arroventata del continente nord-africano pronta ad investire l'Italia con modalità ancora tutte da verificare.

In primo piano - 17 Giugno 2014, ore 19.35

Situazione attuale: I settori centrali del Mediterraneo sono interessati da una vasta massa d'aria fresca ed instabile alle quote superiori. Questa massa d'aria determina ancora instabilità che quest'oggi si è manifestata soprattutto al centro ed al sud con temporali arroccati lungo l'Appennino. Qualche temporale anche sulle Alpi occidentali, per il resto le condizioni atmosferiche sono risultate ventilate e variabili. Fresco alla sera e durante la notte, caldo moderato soltanto durante le ore pomeridiane. Questa situazione tenderà a ripetersi anche per la giornata di domani, mercoledì 18 giugno.

Ultimi giorni di ventilazione nord-orientale: la fase fresca ed instabile portata dallo scivolamento d'aria fredda lungo il bordo dell'anticiclone sul nord-ovest Europa sarà destinata a concludersi nel giro di pochi giorni. A tal proposito il prossime fine settimana sancirà l'inizio di una nuova moderata fase anticiclonica che riporterà un pò di clima estivo lungo lo stivale da nord a sud.

In seguito l'aria fresca atlantica e l'aria rovente africana potrebbero tornare a recitare un ruolo importante del panorama atmosferico europeo. Il polo depressionario attualmente presente sulla penisola Scandinava tenderà infatti a spostarsi ad occidente, sin verso il Regno Unito. Da questa posizione alcuni modelli di previsione intravvedono la possibilità di  aggancio con un vecchio cut-off (minimo chiuso di bassa pressione) di fronte al Portogallo. (mercoledì 25 giugno)

Questa evoluzione è tutt'altro che certa ma qualora dovesse risultare realistica sarebbe garanzia di tempo instabile e temporalesco sulle regioni settentrionali mentre al centro e sul Mezzogiorno proseguirebbe la fase calda portata dalla distensione dell'anticiclone africano come risposta all'affondo ciclonico sull'ovest del continente. Al momento l'aggiornamento serale del modello inglese manda a segno l'aggancio con la sopraccitata depressione, determinando così il prolungamento della fase calda portata dall'anticiclone africano sull'Italia centrale e soprattutto meridionale.

La corsa serale del modello inglese si conclude con il transito della depressione dai settori occidentali europei a quelli orientali, tale avanzamento sarebbe agevolato da una nuova distensione dell'anticiclone azzorriano verso Regno Unito, penisola Iberica, ovest Francia. Il transito della depressione determinerebbe temporali soprattutto al nord, escluse dai fenomeni i rimanenti settori italiani che sperimenterebbero comunque una riduzione delle temperature per opera di venti freschi di Libeccio e Maestrale.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum