Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: prima il maltempo al meridione, poi anche al centro-nord

Sintesi previsionale dei prossimi 10 giorni, basandoci sull'aggiornamento serale del modello europeo ECMWF. L'autunno mostrerà il proprio volto più instabile ed irrequieto. Vediamo nel dettaglio.

In primo piano - 8 Settembre 2015, ore 21.00

Situazione attuale: tempo abbastanza buono sulle regioni settentrionali, dove la ventilazione moderata da nord-est ha garantito una giornata di tempo buono, nonostante non siano mancati annuvolamenti sparsi qua e là. Addensamenti di nubi stratificate sulle regioni centrali e meridionali, con tendenza ad ulteriore aumento delle nubi col passare delle ore. Contesto termico improntato su temperature molto miti su tutto lo stivale, i valori più freschi nottetempo ed al primo mattino sulla Valpadana e le valli interne di Alpi ed Appennino.

Imminente peggioramento delle condizioni atmosferiche sul mezzogiorno d'Italia. 

Quanto previsto nelle prossime ore sulle regioni estreme meridionali, promette d'essere un passaggio instabile piuttosto intenso. Avremo infatti a che fare con una perturbazione che metterà in gioco masse d'aria ancora molto calde di origine subtropicale e masse d'aria più fresche di origine nord-est europea. Particolarmente colpita sarà la regione Sicilia, con un picco di maltempo atteso tra le ore centrali di domani, mercoledì 9 settembre, e le relative ore pomeridiane. Colpite in misura minore anche Calabria, Puglia e Basilicata. Fenomeni tra la prossima notte e la mattinata anche sulla Sardegna.

Instabilità anche al centro-nord nella giornata di venerdì 11 settembre.

Una seconda tornata di instabilità è prevista interessare alcune delle nostre regioni centro-settentrionali nella notte tra giovedì 10 e venerdì 11 settembre. In questo caso il transito dell'impulso instabile dai settori nord-orientali d'Europa sino a ridosso delle Alpi, determinerà un'accentuazione dell'instabilità a carattere sparso. Atteso ulteriore calo della temperatura. 

Intensa perturbazione attesa sulle regioni centro-settentrionali italiane a cavallo tra domenica 13 e martedì 15 settembre. 

Trova conferma anche dagli aggiornamenti di questa sera l'avvento di un intenso peggioramento delle condizioni atmosferiche questa volta con target le regioni centrali e settentrionali del Paese tra domenica 13 settembre e martedì 15. In questa sede la disposizione della ventilazione dai quadranti meridionali, concentrerebbe i fenomeni temporaleschi e la pioggia lungo i rilievi dei versanti tirrenici, sulle Alpi e le Prealpi, sui contrafforti appenninici della Liguria. Stimate cumulate anche importanti. Parentesi di caldo "quasi" estivo al centro-sud. Ventilazione attiva ovunque di Scirocco. 

Lungo termine.

Volgendo lo sguardo alla seconda metà di settembre, sembrerebbe profilarsi un nuovo periodo anticiclonico che si manifesterebbe attraverso l'intervento di una nuova massa d'aria calda di origine africana. Insomma "un surrogato" d'estate ormai fuori tempo massimo, il cui ruolo svolto dall'alta pressione delle Azzorre sarebbe incerto, mentre sembrerebbe ancora molto importante l'influenza portata dalle masse d'aria subtropicali africane.

Per conferme o smentite seguite gli aggiornamenti.
 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum