Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: ottobre porterà con sè una nuovo addolcimento delle temperature

L'aggiornamento serale del modello europeo conferma il termine dell'irruzione d'aria fresca/fredda da est sull'Europa meridionale e sul Mediterraneo. Incerta l'evoluzione successiva anche se pare scemare l'eventualità d'avere una nuova, vasta circolazione ciclonica abbordare i settori occidentali d'Italia.

In primo piano - 29 Settembre 2015, ore 21.00

Situazione attuale: nella scorsa notte abbiamo assistito ad un ulteriore rinforzo della ventilazione orientale sul nostro Paese, l'abbassamento della temperatura è stato particolarmente sensibile sulle regioni settentrionali italiane dove la colonnina di mercurio per la prima volta dopo l'estate è risultata inferiore ai +20°C anche nei valori massimi diurni, Un po' più caldo al centro-sud ma anche temporalesco, con frequenti cumulonembi che hanno popolato il medio ed il basso Tirreno, rendendo molto incerte le condizioni atmosferiche su regioni come Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania. 

Ancora l'instabilità protagonista della scena sulle regioni centro-meridionali. 

Tra mercoledì 30 settembre e giovedì primo ottobre, l'Italia sarà interessata da un sistema nuvoloso piuttosto vasto che inizialmente distribuirà precipitazioni e temporali soprattutto sulle regioni del centro e del sud Italia. Col passare del tempo questo corpo nuvoloso riuscirà a spingersi anche verso le regioni settentrionali, "spinto" dal rinforzo della ventilazione di Scirocco prevista soprattutto tra venerdì 2 e sabato 3 ottobre. Fino a quel momento rovesci e temporali resteranno rigidamente confinati alle regioni centrali e meridionali d'Italia.Particolarmente colpite potranno essere le due isole maggiori, fenomeni più intensi sulla Sardegna.

Sul nord Europa il blocking anticiclonico garantirà ancora un buon apporto d'aria fredda continentale che affluirà direttamente sul Mediterraneo. Per questo breve lasso temporale, la colonnina di mercurio si manterrà su valori inferiori alla media stagionale, soprattutto al nord.

Tra venerdì 2 e sabato 3 ottobre lo Scirocco ritorna a soffiare sul nostro Paese.

Una netta inversione di tendenza è attesa con l'arrivo del weekend, quando l'asse del blocking anticiclonico migrerà verso l'Europa orientale e la Penisola Balcanica. Il fulcro della depressione tenderà quindi a spostarsi verso la Francia e la Penisola Iberica, agevolando la risalita del corpo nuvoloso verso le regioni settentrionali italiane. La massima cumulata precipitativa interesserebbe i settori medio ed alto tirrenici tra la serata di venerdì e la mattina di sabato 3 ottobre. Temperature che risulterebbero stazionarie al nord, in aumento al centro-sud con rinforzo dello Scirocco. 

Medio e lungo termine. anticiclone o depressione? 

L'evoluzione successiva riporterebbe alla ribalta del Mediterraneo un nuovo anticiclone ancora dalle chiare origini subtropicali. Ancora incerto il ruolo di questo anticiclone nei confronti della circolazione atmosferica italiana, anche se il rinforzo delle depressioni extratropicali sul vicino oceano Atlantico, potrebbero oltremodo agevolare l'imposizione dell'alta pressione alle nostre latitudini. 

Tendenza da confermare, seguite gli aggiornamenti. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum