Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: L'INSTABILITA' ancora protagonista della scena atmosferica italiana

L'alta pressione si porta nuovamente verso i settori settentrionali d'Europa. Sarà ancora l'instabilità la principale protagonista della scena atmosferica mediterranea nella terza decade di settembre.

In primo piano - 15 Settembre 2015, ore 21.00

Situazione attuale: condizioni atmosferiche INCERTE hanno ancora una volta influenzato lo stato del tempo sulle regioni settentrionali, anche se in questo caso il via vai della nuvolosità non ha portato ad alcun risvolto precipitativo realmente importante. Maggiori schiarite sulle regioni centrali e meridionali dove la colonnina di mercurio si è portata su valori abbastanza elevati, oseremo dire "quasi" estivi. Ventilazione tesa su tutto il Paese, Scirocco sui mari meridionali, Libeccio su mar Ligure ed alto Tirreno, un po' di Maestrale sull'ovest della Sardegna. 

Ancora instabilità al nord, parentesi di calura sul Mezzogiorno d'Italia.

La seconda decade settembrina si concluderà ancora sotto l'influenza di una vasta circolazione depressionaria centrata col proprio perno sui settori occidentali europei. L'Italia verrà investita da un fitto letto di correnti meridionali che porteranno ancora qualche nota di instabilità sulle regioni settentrionali, mentre al centro-sud l'impeto dello Scirocco determinerà un ulteriore rialzo della colonnina di mercurio sino a toccare valori di caldo abbastanza intenso, soprattutto sulla Sardegna. 

L'anticiclone si riporta verso le latitudini settentrionali d'Europa, quali conseguenze?

Nonostante la parentesi tardiva d'estate prevista al meridione, la sinottica generale a livello europeo rimarrà tumultuosa ed irrequieta; in particolare con gli aggiornamenti di oggi possiamo notare  la tendenza dell'alta pressione a volersi riportare ancora una volta con i propri massimi verso i settori settentrionali d'Europa. Uno schema che negli ultimi 30 giorni abbiamo già visto e rivisto più volte, quest'ultimo sarà di fondamentale importanza nella comprensione di una circolazione instabile tanto radicata sui settori meridionali d'Europa così come è attesa nel prossimo futuro.

Una lunga parentesi d'instabilità anche nella terza decade. Temperature in graduale flessione. 

Con l'arrivo del fine settimana andranno esaurendosi abbastanza in fretta gli effetti della depressione attualmente collocata sull'ovest Europa. Entro il prossimo weekend la ritroveremo adagiata sui settori centrali del continente, laddove con tutta probabilità, verrà "agganciata" da un nuovo flusso di correnti instabili e molto fresche nord-orientali.

L'alta pressione tenderà infatti a portarsi nuovamente verso i settori settentrionali del nostro continente, lasciando il bacino del Mediterraneo sotto condizioni persistenti di instabilità che a partire dalla settimana prossima sarebbero determinate dall'ingerenza delle correnti molto fresche di origine nord-est europea. Aumenterebbero quindi le chances di instabilità sulle regioni meridionali del Paese, mentre una progressiva flessione della temperatura si farebbe sentire al centro e soprattutto al nord. 

Da confermare. 

Seguite gli aggiornamenti. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum