Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: l'instabilità ARTICA si avvicina all'Italia, poi...

Nei prossimi giorni le masse d'aria più fredde di origine artica, porteranno soprattutto sui settori centrali e settentrionali del nostro Paese, condizioni atmosferiche incerte. Volgendo il nostro sguardo alla prima decade di maggio si scorge però una crescente influenza anticiclonica sul nostro Paese e su parte d'Europa. Vediamo nel dettaglio.

In primo piano - 21 Aprile 2016, ore 21.15

Situazione attuale: gli avamposti di un sistema perturbato attualmente collocato sui settori centro-occidentali del Mediterraneo, si fanno strada a piccoli passi verso il nostro Paese. A risentirne per prime sono soprattutto le regioni dell'angolo nord-occidentale e la Sardegna. Altrove ancora condizioni di tempo stabile, con pochi e rari annuvolamenti. Le temperature si mantengono ancora invariate su valori ovuque molto miti, la ventilazione ancora debole, subirà già dalle prossime ore un graduale rinforzo dai quadranti meridionali. 

Un cambiamento imminente delle condizioni atmosferiche sulla nostra penisola. 

Ad annunciare il ritiro dell'anticiclone africano dal Mediterraneo, l'ingresso di un sistema nuvoloso proveniente dai quadranti occidentali, al quale verrà affidato il compito di portare un primo cambiamento del tempo diretto alle regioni centro-settentrionali del nostro Paese. Ad essere sinceri, non si tratta di una perturbazione particolarmente vigorosa, essendo quest'ultima costituita soprattutto da nuvolosità di tipo medio-alto, incapace di apportare precipitazioni significative. Qualche piovasco potrà comunque manifestarsi tra la prossima notte e la mattinata di domani, venerdì 22 aprile, sulle regioni centro-settentrionali (Toscana e Lazio). 

L'arrivo del fronte freddo nella notte tra venerdì 22 e sabato 23. 

Un passaggio instabile un po' più intenso è previsto attraversare il nostro Paese nella notte tra venerdì 22 e sabato 23: sarà questa la perturbazione cui verrà affidato il compito di introdurre sul Mediterraneo, l'aria più fredda direttamente prelevata dall'artico scandinavo. Ne conseguirà una nuova sventagliata di precipitazioni concentrate soprattutto sui settori centrali del nostro stivale. Prevediamo tuttavia un coinvolgimento anche di parte delle regioni settentrionali (Emilia, Toscana, Liguria) nonchè i settori meridionali, con qualche precipitazione sparsa anche su Campania e Calabria. Questa volta verrebbero coinvolti anche i versanti del medio e del basso Adriatico. In linea generale non prevediamo però accumuli di pioggia particolarmente rilevanti.

Dalla seconda metà di sabato 23 e poi nella giornata di domenica 24, prevediamo infine un netto rinforzo del Maestrale e del Libeccio, con un calo sensibile della temperatura pronto a manifestarsi soprattutto alle quote superiori ma avvertibile anche al suolo. Condizioni favoniche sulle regioni del nord, instabilità residua al sud e sui versanti adriatici.

Uno sguardo agli ultimi giorni di aprile; l'instabilità concentrata sempre più alle regioni settentrionali. 

L'instabilità continuerebbe a governare la scena atmosferica italiana anche nei giorni successivi, anche se gli effetti più eclatanti si concentrerebbero sempre più sulle nostre regioni settentrionali, laddove farebbero capolino anche manifestazioni di instabilità convettiva, fatta soprattutto di rovesci e temporali localizzati, eventi tipici della primavera. 

Inizio maggio: verso una nuova ripresa termica. 

L'arrivo di maggio potrebbe infine presentare una certa ripresa della temperatura non solo sul Mediterraneo ma anche su parte dei settori centrali europei; tale situazione sarebbe agevolata dal rinforzo di un'area d'alta pressione le cui caratteristiche sono ancora male inquadrate dalla previsione deterministica del modello europeo. 

Seguite gli aggiornamenti. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 10.38: SS7 Bis Di Terra Di Lavoro

problema sdrucciolevole

Fondo stradale dissestato a 4,576 km prima di Incrocio Nola A30 Ce-Sa - Sgc Nola-Domitio (Km. 50,3)..…

h 10.37: A14 Pescara-Bari

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Vasto Nord-Casalbordino (Km. 437,3) e Vasto Sud (Km. 454,6) in..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum