Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: l'Europa ancora sotto tiro dell'instabilità ARTICA

Uno sguardo alla linea di tendenza calcolata dall'aggiornamento del modello Europeo, vi saranno ancora poche chances di tempo stabile nel futuro. Avremo la tendenza alla persistenza degli anticicloni sull'ovest Europa, discese d'aria fredda artica sul centro ed est Europa. Vediamo nel dettaglio.

In primo piano - 30 Novembre 2017, ore 21.30

Nelle prossime ore è prevista la fase più acuta del passaggio instabile messo in luce dai modelli alcuni giorni addietro. Una "goccia" d'aria gelida artica si getterà a capofitto sul Mediterraneo, sfruttando l'insenatura naturale costituita dal golfo del Leone. Tra venerdì sera primo dicembre e sabato mattina 2 dicembre, verranno coinvolte con neve in pianura una parte delle regioni settentrionali, poi la Sardegna ed i settori centrali tirrenici, infine tra il pomeriggio di sabato e la giornata di domenica 3 dicembre sarà la volta del Mezzogiorno ricevere nuovi contributi in pioggia (neve sui rilievi) soprattutto sulla Sicilia ed il basso versante Tirrenico. 

Nei giorni successivi dovremo aspettarci un rinforzo almeno parziale del gradiente alle elevate latitudini, un evento che sarà provocato da un parziale riversamento di vorticità dalla Penisola del Labrador all'oceano Atlantico settentrionale, favorendo il rinforzo dell'alta pressione anche verso i settori centrali d'Europa e sul Mediterraneo tra lunedì 4 e mercoledì 6 dicembre. 

Superata questa fase, viene posto l'accento ad una nuova pulsazione dinamica dell'alta pressione, la quale andrà a stabilire il proprio cuore caldo nel pieno dell'oceano Atlantico ma sfiorando con la sua propaggine più orientale il Regno Unito e soprattutto la Penisola Iberica. Ne conseguirebbe una circolazione nord-occidentale di correnti fresche e moderatamente instabili nord atlantiche che potrebbero interessare la Penisola Scandinava (laddove vi sarebbe anche una componente artica) poi la Mitteleurope, il Mediterraneo centrale ed i Balcani. 

Nota di spicco intravista questa sera soltanto dall'aggiornamento cosiddetto "deterministico", la formazione di una figura altopressoria termica, cioè provocata da un accumulo d'aria negli strati prossimi al suolo. Rigiri di parole per dare un volto al famigerato "anticiclone russo-siberiano", figura di grande spicco del nostro inverno europeo, quantomeno nei decenni del secolo scorso. 

Nelle sue complesse formulazioni, il modello europeo è ancora in cerca di un percorso da seguire nei vari run usciti in queste giornate, tra quelli più statici e quelli invece più "virtuosi" (come stasera) confermano per la prima metà di dicembre una circolazione atmosferica dinamica ed avvincente, nella quale non potranno essere esclusi dei colpi di scena. 

Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum