Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: l’estate tenterà di rimettersi in carreggiata

Dopo aver presentato il proprio lato più inquieto ed instabile, l’annata estiva 2014 tenterà di accontentare anche gli amanti del sole e del clima da spiaggia, proponendo l’avvio di una fase più soleggiata e calda che potrebbe caratterizzare il periodo dalla seconda decade di luglio in avanti.

In primo piano - 9 Luglio 2014, ore 19.45

Situazione attuale: ancora una giornata di tempo instabile ha caratterizzato le regioni settentrionali italiane con temporali che hanno coinvolto soprattutto Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia e Liguria. Annuvolamenti sparsi al centro, concentrati soprattutto nelle zone interne ,mentre ampie schiarite sono state protagoniste dei settori costieri. Tempo migliore al sud con annuvolamenti modesti, limitati ai soli settori appenninici. Le temperature sono risultate assai fresche per la stagione sulle regioni del nord, mentre i valori registrati sono stati un po' più caldi al centro e soprattutto sul mezzogiorno. Ventilazione tesa sui settori tirrenici con venti di Libeccio

Per alcuni giorni l’Italia verrà ancora interessata da una circolazione d’aria piuttosto fresca per la stagione. Questa Massa d’aria rinnoverà condizioni di instabilità concentrate soprattutto nelle aree interne di Alpi ed Appennino. In seguito l’alta pressione potrebbe rimettere in sesto la stagione, avviando un periodo di maggiore stabilità atmosferica. Questa linea di tendenza pare trovare conferma sia dalla previsione del modello americano GFS, sia da quella del modello inglese ECMWF, tuttavia ci sarà da pazientare ancora un po’ di tempo.


Dapprima l'Italia verrà infatti interessata dalla persistenza di una figura ciclonica che andrà progressivamente isolandosi sui settori orientali dell'Europa. In tal modo l'aria più fresca coinvolgerà più nettamente anche il meridione, portando ad una accentuazione temporanea dell'instabilità. (giovedì 10 - venerdì 11) Queste condizioni di instabilità determineranno la nascita di temporali ad evoluzione diurna, concentrati essenzialmente lungo i rilievi montuosi e durante le ore pomeridiane.

I primi effetti portati dall'aumento di pressione e geopotenziale sul Mediterraneo si manifesteranno solo a partire dalla prossima settimana, mentre prima di tale periodo lo stivale italiano avrà ancora tempo incerto.

Per avere un miglioramento più deciso delle condizioni meteorologiche sul nostro Paese occorrerà attendere mercoledì 16 luglio quando una modesta risalita d'aria calda nord-africana inizierà ad approcciare lo stivale a partire dai settori occidentali. L'Italia avrebbe a che fare con un cuneo di alta pressione senza troppe pretese, nulla di particolarmente vigoroso ma comunque sufficiente a riportare condizioni atmosferiche più estive un po' su tutta Italia. Il corridoio delle correnti fresche e perturbate provenienti dall'Atlantico andrebbe parzialmente richiudendosi, concedendo un po' di tregua alla lunga parentesi di instabilità estiva che ci ha accompagnati sinora.

Sul lungo periodo le correnti più fresche provenienti dall'Atlantico tenderebbero nuovamente a lambire i settori settentrionali italiani,, accentuando la tendenza temporalesca sui settori alpini e prealpini del nord. Condizioni atmosferiche estive e soleggiate sui rimanenti settori del Paese. 

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum