Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: l'estate ancora in sella? In parte si, ma non per tutti!

Proviamo a tracciare una linea di tendenza relativa al lungo termine, basandoci sugli aggiornamenti dei modelli serali GFS e Reading. Conclusa l'attuale parentesi di tempo fresco, l'anticiclone africano come in una sorta di botta e risposta tornerà ad avere voce in capitolo sull'estate italiana ,ma il suo dominio, almeno per una parte dell'Italia potrebbe essere più di una volta minacciato dall'instabilità.

In primo piano - 16 Giugno 2014, ore 19.30

Situazione attuale: il bacino centrale del Mediterraneo risulta interessato da una circolazione di aria fresca ed instabile che nelle ultime ore ha determinato l'esplosione di temporali molto intensi. Il Lazio e la Campania risultano oggi in assoluto i settori più colpiti da quelli che si sono rivelati come veri e propri nubifragi che hanno recato conseguenze poco piacevoli. La depressione tuttavia allarga le proprie maglie colmandosi e con essa tende anche ad attenuarsi la circolazione ciclonica di venti che ha determinato i temporali sopraccitati sulle regioni centrali, nonchè la frequente nuvolosità di tipo medio che ha interessato i settori settentrionali. Relazionate al periodo stagionale le temperature sono ovunque assai fresche, caldo moderato solo al sud. 



Ancora alcuni giorni di instabilità prima del nuovo anticiclone: la circolazione fresca nord-orientale influenzerà ancora per alcuni giorni il tempo del Mediterraneo, agevolando la persistenza di una modesta instabilità che tenderà a concentrarsi durante le ore pomeridiane lungo le aree interne e montuose.

Questi temporali potranno occasionalmente sconfinare lungo le coste
, rinnovando condizioni di instabilità anche lungo i litorali, mentre le aree di mare aperto non dovrebbero più divenire sede di temporali marittimi come quelli accorsi nelle ultime 48 ore. Le temperature si manterranno su valori freschi, seppur tendenti ad un leggero aumento col passare delle giornate. Questa situazione dovrebbe rinnovarsi almeno sino venerdì 20 giugno, prima di lasciare spazio a tutt'altro tipo di circolazione che metterà in gioco aria fresca oceanica con masse d'aria molto calde di estrazione nord-africana

Volgendo lo sguardo al terzo fine settimana di giugno (sabato 21 e domenica 22 giugno), sia il modello inglese che quello americano risultano sostanzialmente concordi nel prevedere l'ingresso della seconda rimonta anticiclonica africana dell'estate 2014. Come sovente accade, essa trarrà origine dall'affondo di una circolazione depressionaria sui settori occidentali europei.

Una fase anticiclonica destinata per qualche giorno ad influenzare il tempo italiano, prima di cedere il passo all'avanzata di una circolazione depressionaria che dai settori occidentali europei muoverebbe in direzione dell'Italia settentrionale, portando ad una nuova fase di forte instabilità. (mercoledì 25 - giovedì 26 giugno) Questa previsione presenta ancora molti punti di incertezza, rappresentati in primis dall'effettiva resistenza anticiclonica prevista sul bacino del Mediterraneo, attualmente difficile da diagnosticare a priopri.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum