Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: graduale espansione anticiclonica

Nei prossimi giorni assisteremo ad un graduale cambio di circolazione a livello generale europeo. Andranno attenuandosi gli scambi meridiani esasperati di queste settimane, a favore di una circolazione più occidentale. Ecco le conseguenze per lo stivale italiano.

In primo piano - 15 Ottobre 2015, ore 21.30

Situazione attuale: altra giornata di maltempo su diverse delle nostre regioni italiane, laddove purtroppo dobbiamo nuovamente segnalare precipitazioni intense e copiose sui versanti del medio e basso Tirreno (Campania e Calabria) con allagamenti e disagi. Precipitazioni temporalesche molto intense anche sulla Puglia. L'instabilità non ha risparmiato neppure le regioni settentrionali che in queste ore vengono interessate da rovesci sparsi, sovente a carattere temporalesco, associate tra le altre cose ad un netto calo della temperatura provocato dalla vicinanza del nocciolo d'aria fredda le cui isoterme alla quota di 5400 metri, toccano la ragguardevole soglia di -25°C. 

Ancora qualche giornata di tempo incerto.

L'evoluzione atmosferica relativa al fine settimana ormai imminente, porterà con sè una diminuzione abbastanza sensibile della temperatura che si farà sentire soprattutto sulle regioni del nord, su parte di quelle centrali e sulla Sardegna. Tale calo della temperatura troverà risposta nella presenza di un vistoso nocciolo d'aria fredda alle quote superiori. L'instabilità farà da copertina ad un profilo termico caratterizzato da valori ormai pienamente autunnali, gli ultimi tepori si attarderanno solamente sulle estreme regioni meridionali. 

Rinforzo della corrente a getto zonale. 

Il periodo compreso tra la fine della seconda e l'esordio della terza decade ottobrina, sancirà quello che appare come un passaggio di consegne tra due differenti circolazioni; quella ancora spiccatamente meridiana che ci ha interessati nella prima metà dell'autunno, e quella più oceanica prevista entrare in gioco dalla terza ed ultima decade di ottobre. 

Le conseguenze sull'Italia e sul Mediterraneo.

Gli effetti di questi flussi d'aria più fredda si concentrerebbero sempre più verso le regioni meridionali italiane. La Sardegna, i versanti del medio ed alto Tirreno e le regioni settentrionali sperimenterebbero qualche giornata di tempo soleggiato con una ventilazione tesa nord-orientale. (fig 1)
L'epilogo finale. 

Spingendo lo sguardo agli ultimi giorni di ottobre, per i paesi affacciati al Mediterraneo, la fase di ricompattamento del Vortice Polare potrebbe significare soprattutto ANTICICLONE che dai settori occidentali d'Europa, conquisterebbe il Mediterraneo centrale e l'Italia. Tale fase atmosferica dovrebbe/potrebbe verificarsi da giovedì 22 ottobre in avanti. (fig 2)


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.33: SS17 Dell'appennino Abruzzese E Appulo-Sannitico

problema

Mezzi spargisale in azione nel tratto compreso tra 1,839 km dopo Incrocio Rocca Di Corno (Km. 10,2)..…

h 01.13: A23 Palmanova-Tarvisio

vento-forte

Vento forte nel tratto compreso tra Udine Sud-Tangenziale (Km. 13,6) e Pontebba (Km. 92,4) in ent..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum