Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: estate nuovamente in difficoltà dalla terza decade di luglio

Superati questi giorni di anticiclone, l'atmosfera potrebbe tornare a presentare il proprio volto più instabile ed irrequieto. Vediamo perche.

In primo piano - 16 Luglio 2014, ore 19.30

Situazione attuale: il secondo giorno di anticiclone è stato caratterizzato da un netto aumento della temperatura che si è fatto sentire un po' ovunque lungo lo stivale. Giornata di grande soleggiamento lungo le coste e le aree pianeggianti del Paese, dove il cielo è rimasto sereno per tutto il giorno. Annuvolamenti associati a locali rovesci o brevi temporali hanno invece interessato le zone interne lungo l'arco alpino ed appenninico. I focolai temporaleschi più intensi hanno riguardato la Liguria, le Alpi Marittime, nonchè alcuni settori dell'Appennino centrale. Le temperature come detto, hanno subito un sensibile aumento su tutto il Paese anche se la calura è stata accompagnata da bassi valori di umidità relativa.

 

L'anticiclone africano regalerà in questi giorni una parentesi BREVE ma INTENSA di estate a spasso per il Mediterraneo. L'azione calda verrà trascinata sulle nostre regioni dalla presenza di una attiva circolazione di bassa pressione che ben presto prenderà corpo sui settori occidentali europei, prodromo all'intenso guasto del tempo nuovamente di matrice atlantica, atteso sull'Italia a partire dal weekend (domenica 20 luglio).

Prima di tale momento l'Italia diverrà temporaneamente terra di conquista da parte dell'anticiclone africano che determinerà un lento ma graduale aumento delle temperature sino a toccare un picco massimo sabato 19. Entro tale data i valori termici saranno votati alla calura intensa da nord a sud, con temperature spesso e volentieri superiori i 30°C, soprattutto nelle aree internelontane dalle coste.

L'estate fatta di bel tempo, sole e caldo andrà in crisi a partire da domenica 20 luglio, quando una corposa figura di bassa pressione avanzerà rapidamente dall'Europa occidentale in direzione della penisola Italiana. Ci attendiamo pertanto una nuova sfuriata di temporali sulle regioni del nord, in graduale progressione ai settori centrali ed orientali del Paese tra lunedì 21 e martedì 22. I temporali saranno provocati dal diretto contrasto tra l'aria calda africana precedentemente affluita e quella assai più fresca atlantica che farà breccia senza troppi indugi sul nostro Paese. 

In seguito il territorio italiano potrebbe ancora rimanere escluso dall'azione diretta degli anticicloni che, con maniacale precisione sembrano ostinarsi a voler evitare il bacino del Mediterraneo. Sul lungo periodo il modello inglese ECMWF pone infatti l'accento sulla possibile formazione di una zona anticiclonica in sede Scandinava. Una configurazione barica di questo tipo generalmente non è sintomatica di estate in buona salute alle basse latitudini europee.

Il finale che non ti aspetti!

Non sono tutte cattive notizie quelle che arrivano dall'aggiornamento serale del modello europeo. Verso la fine di luglio infatti, un nuovo aumento del campo geopotenziale interesserebbe lo stivale, anticipando forse una nuova fase di tempo bello e stabile. Questa linea di tendenza tuttavia appare ancora molto incerta e necessiterà di altre conferme i giorni a venire. 

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum