Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: due i passaggi perturbati attesi sull'Italia nei prossimi giorni

La seconda decade di settembre, pur conservando una anomalia positiva della temperatura su vaste zone del Mediterraneo, saprà proporre almeno un paio di transiti perturbati ben attestati, con fenomeni che in questo caso si faranno sentire con più decisione al centro ed al nord Italia.

In primo piano - 11 Settembre 2015, ore 21.00

Situazione attuale: nella notte il transito di una  circolazione ciclonica alle quote superiori veicolante aria fredda continentale, ha dato origine a qualche fenomeno sparso di instabilità che si è manifestato soprattutto sui settori centro-settentrionali attraverso rovesci di pioggia e sporadici temporali. Condizioni atmosferiche che ormai sono definitivamente migliorate su tutto il Paese, con qualche annuvolamento che sopravvive qua e là ma generalmente di poco conto. Temperature molto fresche soprattutto al centro-nord, più calde al meridione, ventilazione variabile. 

Intermezzo anticiclonico. 

La massa d'aria molto fresca di origine nord-orientale europea, verrà sostituita da una circolazione completamente diversa; in questo caso verranno messe in gioco masse d'aria umide ed assai calde di origine mediterranea. La giornata di sabato 12 settembre potrà quindi essere considerata a tutti gli effetti come lo spartiacque ideale tra due tipologie completamente differenti di circolazione, oseremo dire "la quiete prima della tempesta", le condizioni atmosferiche saranno quindi votate al tempo buono praticamente su tutto il Paese. Verso sera rinforzo della ventilazione di Scirocco sul Tirreno con aumento delle nubi su alta Toscana, Liguria e nord-ovest in generale. 

Intensa perturbazione in attivo sul centro e sul nord Italia tra domenica 13 e lunedì 14 settembre; le zone più colpite. 

Un sistema frontale ben organizzato troverà la strada spianata verso il Mediterraneo, investendo i settori centrali e settentrionali dello stivale tra domenica 13 e lunedì 14 settembre. Trattasi di un impulso frontale piuttosto veloce ma che promette di portare precipitazioni anche molto intense. Le aree più esposte sembrerebbero essere Alpi e Prealpi centro-occidentali, Liguria centrale ed orientale, Versilia, Umbria, alto Lazio. Sulle località sopraccitate saranno elevate le probabilità d'avere fenomeni temporaleschi di una certa rilevanza, con accumuli di pioggia superiori anche ai 100mm

Miglioramento del tempo martedì 15 settembre, con l'ingresso temporaneo e fugace del Maestrale e del Libeccio in sede postfrontale. 

Nuova perturbazione attesa sullo stivale italiano tra mercoledì 16 e giovedì 17. 

Sull'ovest del continente resterà ben attiva una vasta circolazione di bassa pressione che per la prima volta dal termine "ufficiale" dell'estate meteorologica, presenterà una buona organizzazione anche a livello del suolo. Gli impulsi perturbati saranno quindi preceduti dalla ventilazione di Scirocco che sarà decisa e ben impostata. 

L'Italia, trovandosi sul lato ascendente della saccatura, vedrà diviso il suo territorio in due macroaree; la prima comprendente le regioni di Mezzogiorno e la Sardegna, in cui si manifesterà una netta risalita delle temperature portate dai venti ancora molto caldi di origine africana, veicolati dallo Scirocco. Le regioni settentrionali saranno invece interessate da una nuova perturbazione attesa tra mercoledì 16 e giovedì 17 con piogge e temporali anche intensi. 

Lungo termine: chisura anticiclonica azzorriana? 

Dopo il transito della perturbazione attesa attorno metà della prossima settimana, l'alta pressione delle Azzorre potrebbe espandersi in modo più deciso verso i settori centrali dell'Europa, favorendo un miglioramento del tempo anche sull'Italia ad opera dei venti freschi e rafficati di Libeccio e Maestrale, accompagnati da un aumento sensibile della pressione in sede franco-iberica. (da confermare)


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum