Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: ben presto una grande depressione sul Mediterraneo, ma...

Confermata anche dagli aggiornamenti di questa sera, la formazione di una vistosa circolazione di BASSA PRESSIONE sul bacino centrale del Mediterraneo tra domenica 14 e lunedì 15 febbraio. Analizziamone l'evoluzione ed il comportamento.

In primo piano - 11 Febbraio 2016, ore 21.25

Situazione attuale: hanno persistito anche per la giornata odierna, condizioni atmosferiche buone sulle regioni settentrionali del Paese con ancora una bella giornata di sole. Addensamenti nuvolosi intensi e compatti interessano invece i settori centrali e meridionali tirrenici del Paese, laddove registriamo anche alcune precipitazioni concentrate tra Lazio, Campania e Calabria. Temperature senza grosse variazioni di rilievo, ventilazione occidentale che si manifesta soprattutto sui versanti tirrenici, meno su quelli adriatici. Fanno eccezione le regioni settentrionali che quest'oggi si sono ritrovate ancora in una calma di vento oppure esposte ad una lieve ventilazione settentrionale.

Il bacino del Mediterraneo "sferzato" da un grande via vai di perturbazioni.

Nei prossimi giorni il tempo atmosferico previsto sul nostro Paese, sarà ancora governato da una circolazione piuttosto tesa di venti occidentali che trasporteranno sistemi frontali in successione.

Ne prevediamo almeno due avvicendarsi sui cieli del nostro Paese entro i prossimi due giorni; la prima terrà impegnati i cieli delle regioni centrali e settentrionali (soprattutto versanti tirrenici) portando con sè un nuovo carico di precipitazioni che su Alpi ed Appennino settentrionale, saranno nevose anche a quote piuttosto basse.

La seconda perturbazione interesserà i settori centro-meridionali tirrenici dalla seconda metà di sabato 13; il picco precipitativo più intenso è previsto tra Lazio meridionale, Campania e Calabria. Neve solo oltre i 1200-1400 metri di altitudine.

Una grande depressione da contrasto sui cieli del Mediterraneo. 

Tra domenica 14 e lunedì 15 febbraio, la circolazione atmosferica a livello europeo diverrà ancora più irrequieta; prevediamo infatti quello che appare come un sostanziale "passaggio di consegne" tra l'nstabilità di origine oceanica e pertanto veicolante masse d'aria polari-marittime, con l'arrivo di una massa d'aria artico marittima sull'Europa. 

Quest'ultima non riuscirà a guadagnare completamente il bacino del Mediterraneo che, di conseguenza, diverrà sede di contrasto tra l'aria temperata originaria dei nostri mari, con l'aria assai più fredda (specie in quota) di stampo artico. Ne deriverà la formazione di un'importante depressione cosiddetta "da contrasto". Quest'ultima stabilirà il proprio perno sul bacino centrale del Mediterraneo, occupando quindi una posizione di primaria importanza proprio sui mari prospicenti l'Italia. 

Quali saranno i settori d'Italia maggiormente coinvolti dall'instabilità?

Ancora molto difficile stabilire l'esatta ubicazione del minimo ciclonico, cioè del "perno" vero e proprio della depressione, sul quale ruoteranno poi tutt'attorno i diversi sistemi nuvolosi ad esso associato. Al momento le regioni più coinvolte dagli episodi di maltempo sarebbero quelle centrali e meridionali, specie sui versanti tirrenici, mentre potrebbe essere più marginale il coinvolgimento delle regioni settentrionali, anche se al momento ne prevediamo una sua totale esclusione. 

Come si comporteranno le temperature?

Come anticipato, il profilo delle temperature non si discosterà di molto rispetto ai valori attuali, l'entrata franca dell'aria artica sul Mediterraneo sarà infatti compromessa proprio dalla formazione del grande vortice di bassa pressione che metterà immediatamente in circolo masse d'aria assai più miti di estrazione basso mediterranea. Queste ultime guadagneranno con discreta facilità i settori centro-meridionali dello stivale, laddove il profilo termico generale potrebbe addirittura risultare superiore alla media del periodo. 

Per ulteriori novità, seguite gli aggiornamenti. 

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 16.32: SS55 Dell'isonzo

incidente

Incidente che coinvolge più veicoli a 1,527 km prima di Incrocio Variante Di Merna (Km. 13,1) in..…

h 16.32: A16 Napoli-Canosa

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Grottaminarda (Km. 81,7) e Vallata (Km. 104,2) in entrambe le dir..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum