Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: aria più fresca in arrivo sull'Italia, poi..

Già a partire dalla prossima notte una rotazione della ventilazione dai quadranti meridionali favorirà un calo della temperatura abbastanza deciso dapprima in montagna (Alpi ed Appennino) poi anche sulle zone pianeggianti. Volgendo lo sguardo alle ultime battute di ottobre, pare che l'anticiclone possa riconquistare il terreno perduto, in attesa di qualche novità con l'arrivo di novembre.

In primo piano - 21 Ottobre 2014, ore 20.30

Situazione attuale: una massa d'aria fresca ed instabile si avvicina alla penisola italiana a partire dai settori più settentrionali. Sull'Italia situazione di attesa con addensamenti nuvolosi sparsi soprattutto sulle regioni del nord, dove dalla mattinata si susseguono stratificazioni di nubi alte e sottili. Nuvolosità più compatta sulla Liguria, associata a qualche pioviggine, tempo discreto sul resto dello stivale. Temperature attestate ovunque su valori molto tiepidi con picchi diffusi oltre i 20°C su litorali, valli e pianure.

Conto alla rovescia per l'entrata del Favonio alpino sulla Valpadana e della Tramontana rafficata sulla Liguria.

Ormai ci siamo, i tempi sono quasi maturi e l'aria fredda impatta proprio in queste ore con violenza appena al di là dell'arco alpino. Abbiamo a che fare con una massa d'aria fredda di origine polare marittima, fredda soprattutto in quota ,ma accompagnata da un calo modesto della temperatura sugli strati prossimi al suolo. Non aspettiamoci quindi un calo drastico della colonnina di mercurio ma soltanto una flessione rispetto ai valori termici attuali, attestati ben al di sopra della media stagionale.

Mercoledì 22 ottobre e giovedì 23 saranno due giornate di grande soleggiamento sui settori settentrionali del Paese
, laddove agiranno venti secchi di Favonio in caduta dal baluardo alpino sin verso la Valpadana. Inizialmente i valori termici saranno tutt'altro che freddi, il vento di Favonio risentirà infatti del cosiddetto riscaldamento adiabatico tipico delle masse d'aria costrette ad una discesa forzata appena dopo aver superato un crinale montuoso.

Questo aumento della temperatura avrà tuttavia caratteristiche effimere e sarà destinato ad essere seguito da un calo abbastanza sensibile soprattutto durante le ore notturne.

Isolate manifestazioni di instabilità
saranno possibili sui settori centro-meridionali del Paese tra mercoledì 22 e venerdì 24, generalmente più soleggiato sul resto del nord.

Il calo termico più importante si farà sentire solo da giovedì 23 ottobre in avanti.
La fase fresca seguiterebbe infine ad interessarci sino al prossimo weekend (sabato 25 - domenica 26 ottobre) quando l'alta pressione questa volta di natura oceanica, andrebbe espandendosi verso il nostro Paese, ponendo fine all'instabilità sulle regioni meridionali e dando luogo ad un nuovo, modesto aumento della temperatura tra lunedì 27 e mercoledì 29 ottobre.

In seguito l'aria più fresca di origine nord-atlantica farebbe nuovamente breccia sul bacino del Mediterraneo generando una circolazione di bassa pressione in grado di apportare un guasto del tempo dalle caratteristiche più tipiche dell'autunno avanzato, con temperature alle quote superiori abbastanza fredde, e valori geopotenziali piuttosto bassi. (da confermare)


 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum