Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: al via una fase di tempo INSTABILE di stampo oceanico

Nei prossimi giorni subentrerà sul nostro Paese una fase atmosferica finalmente caratterizzata dal ritorno dell'instabilità veicolata da alcune perturbazioni di origine nord-atlantica che avranno come target preferenziale i settori centrali del Mediterraneo.

In primo piano - 30 Dicembre 2015, ore 21.00

Situazione attuale: giornata di nuvolosità irregolare che interessa soprattutto i settori adriatici del Paese, dove una residua circolazione di venti orientali, accumula nuvolosità sottocosta. Cieli più sgomberi da nubi lungo i versanti tirrenici, dove sono intervenute ampie schiarite soprattutto nelle ore pomeridiane e serali. Si dissolvono le nebbie sulla Valpadana, grazie al rinforzo di una ventilazione moderata orientale che porta ad un lieve ribasso delle temperature alle quote superiori. Resistono banchi nuvolosi densi solo sulla Sardegna 

Focus sull'Europa centro-orientale: nella morsa del grande gelo.

Proprio in queste ore si realizza il pattern famigerato di "scand positivo" che trascina con sè un'importante massa d'aria gelida verso la fascia delle medie latitudini. Questa massa d'aria dai grandi rigori invernali, interesserà soprattutto i settori centro-orientali d'Europa ed una parte della Penisola Scandinava (i settori più orientali) portando ad una fase intensa di gelo che persisterà per buona parte della prima decade di gennaio.  

In arrivo vistosa circolazione di bassa pressione sull'Italia tra sabato 2 e domenica 3 gennaio. 

Anche sull'Italia pur senza essere interessata dalla sopraccitata circolazione d'aria gelida, vivrà un periodo di rinnovata dinamicità atmosferica dopo una lunga, lunghissima fase anticiclonica. Una vistosa depressione "spezzerà" l'egemonia dell'anticiclone sul Mediterraneo, penetrando sul nostro Paese sabato 2 gennaio con precipitazioni concentrate soprattutto sulle regioni centro-settentrionali. Domenica 3 gennaio veloce trasferimento dei fenomeni verso i settori orientali e centro-meridionali della penisola. Neve che nella notte tra sabato e domenica potrà cadere a bassa quota segnatamente sulle regioni settentrionali. 

Focus sui settori centro-occidentali europei: ripristino di una circolazione instabile oceanica. 

La massa d'aria gelida che in queste ore si riversa sui settori centro-orientali d'Europa, "obbligherà" il flusso di correnti instabili oceaniche a seguire un percorso meridionale, interessando così direttamente il bacino del Mediterraneo ed anche il nostro stivale. Si apre quindi un periodo di rinnovata dinamicità atmosferica che porterà diversi sistemi nuvolosi ad attraversare il nostro Paese. Lontani dai valori di gelo, le temperature subiranno comunque un ritocco sostanziale verso il basso, ritornerà finalmente la NEVE su Alpi ed Appennino. 

Lungo termine: quali prospettive? 

Volgendo lo sguardo al termine della prima decade di gennaio, il modello europeo mette in evidenza un nuovo rialzo del Fronte Polare che porterebbe come immediata conseguenza, una nuova ingerenza anticiclonica soprattutto sul basso Mediterraneo. L'andamento termico diverrebbe nuovamente più mite, ma le precipitazioni continuerebbero ad essere frequenti specie al nord. 

Queste tendenza necessita ancora di ulteriori conferme. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 08.00: S01 Strada Grande Comunicazione Fi-Pi-Li (per Livorno)

coda

Code causa viabilità esterna non riceve nel tratto compreso tra Svincolo Ss1 Aurelia Per Pisa (Km..…

h 07.59: SS17 Dell'appennino Abruzzese E Appulo-Sannitico

problema rallentamento sdrucciolevole

Traffico rallentato, fondo stradale dissestato nel tratto compreso tra 27 m dopo Incrocio Ponte Zit..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum