Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime: ben DUE perturbazioni in marcia verso l'Italia la prossima settimana

Vediamo assieme COME potrebbero comportarsi le due perturbazioni previste sul nostro Paese nel corso della prossima settimana. Ritornerà la pioggia? Vi saranno ancora occasioni di NEVE a bassa quota al nord?

In primo piano - 8 Febbraio 2018, ore 19.25

Quest'oggi le nuove proiezioni mettono finalmente in luce dei punti cardine, delle vere e proprie "tappe" che scandiranno la successione di eventi atmosferici previsti sul nostro Paese nel corso della prossima settimana. Sull'Europa la circolazione vedrà ancora in pista due grandi figure bariche a contendersi una fetta di territorio sulla scena; avremo quindi le correnti instabili oceaniche, le quali troveranno un varco sull'Europa occidentale, avremo poi a che fare con il vasto anticiclone a carattere freddo sui Balcani ed il nord-est Europa. 

Sull'Italia vi sarà un reciproco alternarsi tra fasi fredde e fasi instabili più temperate, entrambe con effetti più decisi sul tempo previsto al centro ed al nord. Sulle regioni centrali, sarà prevalente una azione di tipo MITE, sulle regioni del nord vi sarebbe una cosiddetta dinamica di interazione tra l'aria più umida in arrivo dall'oceano, contro quella più secca e fredda prevista affluire da nord-est. 

Scorrendo in ordine cronologico la sequenza di eventi previsti sul nostro Paese la prossima settimana. 

Cominceremo lunedì 12 febbraio con la prima perturbazione che promette nuove precipitazioni soprattutto sulle regioni di nord-est, i versanti di alto, medio e basso Tirreno, diciamo dalla Toscana in giù. Nuova occasione di NEVE a bassa quota sull'Appennino settentrionale e sulle Alpi Venete e Friulane. 

Martedì 13 e mercoledì 14 febbraio, soprattutto al nord si farebbe sentire un ribasso deciso della temperatura portato da fredde correnti nord-orientali. Isoterme stimate al piano isobarico di 850hpa (circa 1500 metri) sino a -7°C sulle regioni di nord-est. Coinvolte in parte anche le regioni centrali.

Giovedì 15 e venerdì 16 febbraio, una intensa perturbazione potrebbe coinvolgere ancora le regioni centrali e settentrionali.


Su quest'ultima tappa esistono però delle INCERTEZZE; qualora l'intensità della corrente a getto in arrivo dall'oceano, dovesse risultare eccessiva, l'arrivo della nuova perturbazione potrebbe verificarsi in un contesto di correnti molto tese di tipo occidentale, con scarsa dominante meridionale dei venti. Ne deriverebbe una maggior concentrazione di nubi e precipitazioni sui versanti tirrenici a scapito delle regioni settentrionali. Tutto questo sarebbe accompagnato da temperature in deciso rialzo. 

Quest'ultimo è un punto su cui si stanno dibattendo i centri di calcolo più importanti. 

Nei prossimi aggiornamenti nuovi dettagli. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 08.41: A14 Ancona-Pescara

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Ancona Sud (Km. 230,4) in uscita in direzione da Pescara dalle 08:3..…

h 08.39: SS148 Pontina

coda rallentamento

Code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Incrocio Uscita Pomezia Sud/Maggiona (Km. 31) e..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum