Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

TUTTO sulla FASE PERTURBATA in arrivo!

La tempistica del peggioramento.

In primo piano - 24 Aprile 2017, ore 09.30

Il richiamo di aria umida che interesserà tra oggi e martedì le regioni settentrionali alla fine produrrà solo qualche modesta precipitazione, più probabile a ridosso dei rilievi, ma contribuirà a mantenere il cielo uggioso e l'atmosfera un po' cupa.

La nuvolaglia dovrebbe però lasciare spazio all'ingresso di un importante fronte perturbato nella giornata di mercoledì 26 aprile, sostenuta da una maggiore curvatura ciclonica delle correnti e da un minimo depressionario al suolo sul catino padano.

Le precipitazioni risulteranno così piuttosto abbondanti sulla Lombardia, la Liguria centro-orientale, il Canton Ticino e tutta la fascia alpina e prealpina del Triveneto, tra il debole e il moderato sul resto del settentrione, meno insistenti sul Piemonte e l'Emilia-Romagna, stante la provenienza sud occidentale delle correnti portanti.

Piogge di una certa intensità sono attese anche sulla Toscana settentrionale, deboli o moderate sul resto della regione. Qualche piovasco anche su Umbria e nord Lazio.

Sono attesi accumuli anche superiori ai 50mm nelle aree urbane della Lombardia, dell'alto Veneto e sul Friuli Venezia Giulia, oltre 100-120mm sulle Prealpi Carniche, Giulie e sul Cadore. Molto abbondanti anche le piogge attese sul Carso.

La quota neve, che nei giorni scorsi era prevista più bassa, si attesterà nelle vallate alpine interne tra i 1500 e i 2000m.

Una volta transitato il fronte, giovedì 27 aprile, l'aria di origine artica marittima che lo accompagnerà sfonderà marginalmente nell'area mediterranea, dando luogo alla formazione "per contrasto" di un secondo corpo nuvoloso, esteso tra il Triveneto e le regioni centrali, ma con condizioni instabili che nel pomeriggio di giovedì recherà dei temporali anche sul nord-ovest a macchia di leopardo.

Questa volta la neve potrebbe calare anche sin verso i 1200m nel pomeriggio di giovedì, specie sul settore alpino centro-occidentale, in seno a qualche temporale.

Da notare i fenomeni di forte intensità che potrebbero coinvolgere in questa fase le regioni centrali, anche sottoforma di temporali grandinigeni.

Venerdì 28 invece nubi e precipitazioni legate al fronte dovrebbero ormai attestarsi solo sul meridione e allontanarsi nel pomeriggio, lasciando spazio ad un fine settimana decisamente più tranquillo, accompagnato da una rimonta dell'alta pressione.
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum