Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Tutto sull'ondata di FREDDO e NEVE in arrivo da martedì sull'Italia

Diverse città imbiancate lungo l'Adriatico e a ridosso delle rispettive zone interne appenniniche. Neve a bassa quota anche in Campania, Sicilia e sull'est della Sardegna. Da mettere in conto anche le prime gelate notturne, e le temperature che potranno scendere al di sotto dello zero, specialmente al settentrione.

In primo piano - 24 Novembre 2013, ore 09.45

 Uno scorcio di gennaio nel bel mezzo di novembre: ecco come si potrebbe definire la prossima ondata di freddo continentale, attesa tra martedì 26 e giovedì 28 novembre. Si tratterà di un nucleo di aria artica, che viaggerà lungo le pianure russe e, attraverso l'est Europeo, raggiungerà infine la nostra Penisola.

Sarà un viaggio lungo vero, ma le caratteristiche della massa d'aria in arrivo riusciranno a manterere in parte la "crudezza" originale, grazie allo scorrimento continentale. Sarà un freddo che arriverà dunque da est e che pertanto vedrà valore aggiunto soprattutto lungo le regioni orientali del Paese.

Trattandosi di una massa d'aria continentale, avremo a che fare con un freddo piuttosto secco, quindi caratterizzato da cieli tersi e tempo per gran parte soleggiato. Attenzione però alle molte eccezioni: dovendo attraversare il mare, il freddo diverrà umido a ridosso delle regioni adriatiche e ancor più sul nord della Sicilia, dovendo in questo caso sorvolare anche il basso Tirreno.

Tanto basterà per portare le prime nevicate a bassa quota dalla Romagna alla Puglia. Si inizierà martedì con i fiocchi che faranno la loro comparsa nell'entroterra romagnolo, marchigiano e abruzzese fin verso i 300 metri. I rispettivi tratti costieri, a parte eventuali, brevi e locali fenomeni convettivi con qualche episodio di neve tonda fin quasi sul mare, vedranno principalmente pioggia, a causa della Bora che scalderà la massa d'aria dal basso.

Neve prevista anche su est Umbria,  Molise, Gargano ed entroterra campano (Irpinia) fin verso i 400 metri, sul resto della Puglia e in Basilicata tra 500 e 600 metri, intorno a 800 metri sulla Sila e sul nord della Sicilia.

Il momento migliore per la neve? La sera di martedì 26.

Mercoledì 27 ulteriori rovesci di neve fin verso i 300-400 metri dal Riminese al Foggiano, intorno a 600-800 metri sui monti lucani, calabresi, nord siculi e, a tratti, anche sui versanti tirrenici di quelli sardi. Prevediamo imbiancate città come Macerata, Ascoli Piceno, Perugia, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia, Potenza, forse, a tratti, anche Avellino. Fenomeni in graduale attenuazione nel corso della giornata di giovedì 28.

Temperature previste in picchiata, con calo fino a 10°C rispetto ai valori attuali e dunque anche tra i 7 e i 9°C al di sotto delle medie del periodo. Prime gelate anche in pianura al nord. dove nelle ore notturne si potranno toccare valori alcuni gradi al di sotto dello zero.

Il freddo tenderà poi gradualmente a stemperarsi a partire da venerdì 29, quando assisteremo ad un rialzo delle temperature soprattutto sulle pianure del nord-ovest causa venti di Foehn


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum