Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Trekking e passeggiate in montagna? Ecco 8 REGOLE da seguire per evitare maltempo e disavventure!

Un temporale può fare la differenza tra una spensierata giornata all'aria aperta ed un'avventura col finale da brivido... Tutto sta a tenere nella giusta considerazione la previsione meteorologica.

In primo piano - 29 Luglio 2008, ore 10.01

Con maggio parte ufficialmente la stagione del trekking. Il verde guadagna spazio sul bianco che si ritira, e così la montagna, a quote via via più elevate, diventa territorio sconfinato in cui cimentarsi per esprimere la propria voglia di libertà. Chi pratica il trekking sa che la montagna è per tutti: esistono percorsi pedestri delle più svariate difficoltà. C'è il sentiero turistico, facile, alla portata di chiunque, così come pure c'è l'itinerario impegnativo, lungo, duro, faticoso, adatto solo a chi ha buon allenamento o a chi ha 8 ore di marcia nelle gambe. Per non parlare poi di quelle escursioni che richiedono particolari attrezzature alpinistiche, o una doverosa esperienza su terreni ghiaiosi, rocciosi o innevati: stiamo ovviamente parlando di un escursionismo molto vicino all'alpinismo, quello dei più esigenti. E che dire poi dei trekking di più giorni, delle traversate o dei grandi anelli montani? Ad ogni modo, turistico o per esperti che esso sia, un itinerario pedestre necessita di un elemento inscindibile per il buon esito dello stesso, vale a dire la previsione meteorologica. Anche il più facile dei percorsi può risolversi in una terribile trappola per l'escursionista in caso si venga colti da un improvviso e marcato episodio di maltempo. Qualsiasi trekker deve innanzitutto essere un ottimo previsore del tempo sul campo, prescindendo da carte, mappe, strumentazioni tecnologiche e corrente elettrica che sia. In montagna, si sa, il tempo muta con estrema rapidità e agevolezza. Si passa facilmente da una mattinata calda e soleggiata ad un pomeriggio ventoso, cupo e temporalesco, magari condito anche da qualche grandinata, tanto per non scomodare la neve, che pure in quota potrebbe giocare brutti scherzi. Vento e fulmini costituiscono poi un pericolo ulteriore, per chi si attarda su percorsi rocciosi e accidentati, magari esposti. Basta poco per trasformare quella che alla vigilia si presentava come un'esperienza soleggiata e tranquilla, in un'autentica avventura col finale da brivido. E allora, come prevenire simili rischi? Semplice: 1) Aggiornarsi costantemente, prima di partire, sulla situazione barica e sulla previsione meteorologica per la zona in questione. 2) Partire solo nel caso in cui vengano confermate condizioni di tempo stabile; in caso contrario, guadagnare tempo ed attendere confeme o smentite circa le previsioni del tempo; decidere la partenza anche all'ultimo momento, se necessario; nel caso di escursione imminente e di tempo comunque incerto, rinviare l'esperienza a miglior data. 3) Prima di partire, assicurarsi un'attrezzatura di emergenza contro freddo, vento e temporali (k-way, guanti, giacca a vento, pail, passamontagna, creme per protezioni cutanee). 4) Lasciar detto in casa o ad amici e parenti l'itinerario che si intende percorrere e lasciar loro i recapiti telefonici di eventuali rifugi toccati dal trekking, e comunque i recapiti di telefono cellulare di tutti i partecipanti all'escursione. 5) Una volta giunti alla base di partenza dell'escursione, in caso di condizioni meteorologiche non rispondenti alla previsione, o comunque ancora incerte, utilizzare lo strumento telefonico per aggiornare la previsione e, se necessario, sospendere l'escursione. 6) Lasciare sempre i propri nominativi e i propri recapiti di telefono cellulare nei rifugi toccati dal trekking, ed aggiornare la previsione meteo con i gestori dei rifugi stessi. 7) Nel caso in cui il peggioramento del tempo arrivasse durante lo svolgersi del trekking, procedere nei seguenti modi: - in caso di anello, percorrere il tratto di cammino più breve per rientrare alla base o al rifugio più vicino; - in caso di traversata, scegliere di proseguire verso la meta o di rientrare alla base scegliendo il percorso più breve (in termini di tempo impiegato) o la via meno battuta dal maltempo; in alternativa appoggiarsi al rifugio più vicino; - in caso di andata/ritorno, tornare subito indietro o appoggiarsi al rifugio più vicino. 8) Nel caso in cui le soluzioni di cui sopra non fossero sufficienti a evitare l'episodio di maltempo, scegliere di appoggiarsi provvisoriamente nel ricovero più vicino, sia esso in muratura (bivacco) o naturale, in attesa di un miglioramento delle condizioni atmosferiche; se la fase di maltempo non dovesse invece accennare all'esaurimento, provvedere a lanciare l'allarme via telefono (se possibile) e comunque aspettare i soccorsi; sarà fondamentale non avventurarsi in tentativi di fuga fuori sentiero.

Autore : Emanuele Latini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum