Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Tracollo di geopotenziale previsto i prossimi giorni, preludio a una lunga fase perturbata

L'arrivo della goccia fredda prevista da venerdì 15 in avanti sul Mediterraneo, potrebbe funzionare da viatico preferenziale all'affondo di una estesa figura di bassa pressione che porterà sull'Italia una fase perturbata dalle caratteristiche tardo autunnali / inizio invernali, segnatamente al nord.

In primo piano - 13 Novembre 2013, ore 12.30

Pare proprio che la corposa goccia fredda prevista nel prossimo week-end sul Mediterraneo sia preludio all'affondo di una vasta saccatura che dai settori atlantici settentrionali andrà conquistando abbastanza agevolmente l'Europa centrale ed il Mediterraneo (Italia compresa). 

L'arrivo di questa nuova fase perturbata sarà di origine completamente diversa rispetto a quanto è avvenuto sinora. Si tratterà a tutti gli effetti di una vistosa ondulazione del getto polare che avvierà un cambiamento del tempo dalle caratteristiche tardo autunnali, in grado di far compiere un ulteriore passo in avanti alla stagione, avvicinando le temperature ai valori tipici di inizio inverno. 

Questa fase di transizione avverrà in parte già a partire da questo venerdì ma potrebbe a tutti gli effetti proseguire anche nel corso della prossima settimana, portando tra le altre cose, un possibile risvolto nevoso a quote prossime alla pianura su alcuni settori dell'Italia settentrionale. A determinare quello che si preannuncia come un vero e proprio "tracollo" di gepotenziale, ci penserà una pulsazione dinamica dell'anticiclone sin verso l'oceano Atlantico settentrionale. 

Attualmente questa pulsazione verso nord dell'anticiclone non sembra avere le carte in regola per avere una durata prolungata nel tempo, l'episodio perturbato di cui sono ancora da definire dettagliatamente tempistiche e modalità, avrebbe quindi una durata limitata, apportando una fase di maltempo della durata di 7-10 giorni e seguita da una probabile quanto fisiologica fase di maggiore stasi atmosferica prevista tra la fine della terza decade di novembre e l'arrivo di dicembre. 

Avremo modo di riparlarne. 

Seguite gli aggiornamenti. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum