Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

TEMPO SCATENATO: cosa dobbiamo ancora aspettarci nella seconda parte del novembre?

Niente alta pressione, ma ancora molto Atlantico.

In primo piano - 15 Novembre 2019, ore 09.58

Il tempo non si sistemerà tanto facilmente. Non torneremo al passato anticiclonico con un colpo di spugna; tutto il maltempo che c'è stato in questo mese di novembre non è stato casuale; le mappe parlano chiaro (almeno per ora): si vede ancora un quadro barico votato all'inserimento delle grandi depressioni atlantiche nell'area mediterranea.

Un Mediterraneo che già di suo, risultando ancora tiepido, produce depressioni secondarie senza sosta che favoriscono precipitazioni anche abbondanti sul territorio.

Cosa succederà allora? Se sembra tutto apparentemente molto semplice a livello barico, in realtà a livello locale, riuscire a capire dove andranno a collocarsi esattamente le precipitazioni non sarà facile.

Ecco infatti la subdola depressione al suolo prevista per la serata di lunedì 18 novembre a ridosso delle regioni centrali, che alcuni modelli posizionano anche più a nord. Al momento l'idea è che possa piovere soprattutto al centro e al sud, ma non si escludono fenomeni temporanei anche al settentrione, nevosi dalle quote medie anche sulle Alpi.



Successivamente, da mercoledì 20 a sabato 23 si affaccerà da ovest una nuova figura depressionaria che provocherà ancora precipitazioni al nord e lungo il Tirreno, molto meno sulle restanti zone, rimanendo stazionaria per l'opposizione di un anticiclone di blocco sull'est europeo.


Questa difficoltà dell'Atlantico nell'inserirsi con decisione da ovest sembra figlia di un vortice polare ancora un po' sonnacchioso per il momento, ovvero di una corrente da ovest (corrente a getto) poco incisiva.

Sul finire del mese le cose potrebbero ulteriormente complicarsi, in coincidenza di un aumento di pressione sul Mar di Norvegia. Questa potrebbe essere anche una possibile svolta per il tempo di dicembre con un avvicinamento a condizioni più invernali con apporti freddi sul centro Europa e nel Mediterraneo. Seguite gli aggiornamenti per capire l'affidabilità di questa linea di tendenza.



 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum