Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Tempo nuovamente in peggioramento a partire da giovedì prossimo

Un robusto anticiclone dinamico governerà il tempo sul continente europeo per molti giorni, forse per alcune settimane, inviando aria fresca o fredda sull'Italia.

In primo piano - 3 Novembre 2003, ore 11.30

Dando uno sguardo all’immagine satellitare di stamani, si nota come il sole splenda su gran parte del territorio italiano, specialmente al centro e sulla Sardegna; al nord vanno però segnalati anche i primi densi banchi di nebbia in pianura, soprattutto sulla Lombardia. Tutto questo è frutto dell’azione di un campo di alta pressione dinamico che si sta gradualmente consolidando su tutta l’Europa mediterranea, una figura anticiclonica che presto (entro 48 ore) si estenderà anche al settore centrale del Continente, dove tenderà a portare il suo centro motore, grazie anche all’insistente azione di un intenso ramo della corrente a getto polare sull’Atlantico settentrionale e la Scozia. Così facendo a partire da domani pomeriggio l’anticiclone inizierà a pilotare una massa di aria fredda artica dalla Polonia e dalla Boemia verso sud-ovest, in direzione dell’Adriatico e dell’Italia, grazie anche ai venti di richiamo generati dalla depressione adesso presente sulla Grecia e lo Ionio orientale. Addirittura è probabile (come d’altra parte accade nella stragrande maggioranza dei casi in situazioni simili) che nella giornata di mercoledì si isoli una vera e propria “goccia fredda”, che andrà rapidamente investendo la nostra Penisola con maggiori effetti a partire dalla giornata di giovedì. Questa perturbazione in quota porterà innanzitutto ad una marcata accentuazione dei venti freschi da est sull’Italia centro-meridionale, soprattutto sul litorale orientale della Sardegna, sull’Appennino, sul Canale d’Otranto e lo Ionio, dove potranno attivarsi raffiche di vento fino a 60-70 km/h già nella serata di mercoledì 5; ma arriveranno anche alcune piogge nel meridione e su parte delle regioni adriatiche, mentre sulla Dorsale Appenninica si avranno alcune nevicate di debole o moderata intensità a quote ancora da definire con precisione, comunque non molto basse. Lentamente poi la goccia fredda si porterà ulteriormente verso ovest, tanto da poter coinvolgere nel maltempo anche le regioni tirreniche da venerdì in poi; tuttavia tale evoluzione avrà bisogno di ulteriori verifiche nel corso dei prossimi giorni. Va invece notato come nel prossimo fine settimana, stante l’ulteriore espansione e consolidamento del robusto anticiclone fra la Scandinavia e la Polonia, sia possibile che vada attivandosi una seconda e meglio organizzata discesa di aria fredda (stavolta di origine polare continentale), che potrebbe interessare l’Italia fra il 10 ed il 13 novembre. Conviene comunque non spingersi ulteriormente in avanti con la previsione, visto che abbiamo già messo tanta “carne al fuoco”.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum