Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Tempo instabile sino alla fine di novembre, poi...

Seppur con una generale tendenza al rinforzo delle correnti occidentali, il tempo sul nostro Paese resterà instabile almeno fino al termine di novembre, da valutare gli scenari successivi.

In primo piano - 22 Novembre 2019, ore 18.00

L'ultimo, severo episodio di maltempo che riguarderà soprattutto le regioni del nord, viene previsto a ridosso di questo fine settimana interessare soprattutto regioni come Liguria, Piemonte, Valle d'Aosta. Sulla regione Liguria troviamo il più elevato rischio di dissesto idrogeologico causato dalle forti precipitazioni che potranno avere anche sfondo temporalesco, sulla fascia alpina invece, potrebbero verificarsi importanti nevicate sopra i 1500 metri di quota, con accumuli di neve che potrebbero superare anche i 200 centimetri oltre i 2000 metri. Su tutte queste regioni vige uno stato di allerta della Protezione Civile. Questa depressione coinvolgerà tra domenica e lunedì anche le regioni del sud, in quanto una prima accelerazione della corrente a getto occidentale, porterà con l'inizio della prossima settimana alla prima distensione dell'alta pressione delle Azzorre verso l'Europa occidentale, una distensione che favorirà una evoluzione abbastanza rapida il cut-off della depressione sulle regioni meridionali. Ecco la previsione del modello americano riferita a domenica 24 novembre, la circolazione di bassa pressione responsabile del maltempo previsto al nord nelle prossime ore, si sarà ormai spostata col proprio perno sulle regioni del Mezzogiorno:

Lo sviluppo degli eventi riferita l'ultima settimana di novembre, sono caratterizzate quasi sicuramente da un rinforzo della corrente a getto accidentale quale frutto di un processo di ricompattamento del vortice polare Alle alte latitudini. Questo rinforzo del Vortice Polare porterà un aumento di gradiente che sarà il diretto responsabile nella aumento della velocità dei venti occidentali. Nonostante tutto, questo rinforzo del vento zonale, sarà accompagnato ancora da una certa variabilità atmosferica che si manifesterà con una successione di rapidi fronti perturbati. Questi corpi nuvolosi riusciranno ancora coinvolgere il nostro Paese. La previsione del modello americano riferita a giovedì 28 novembre, l'Europa rimane interessata da una circolazione di venti occidentali, nella quale verranno ad inserirsi alcuni corpi nuvolosi in rapida successione e con effetti soprattutto lungo l'arco alpino, al nord-est, sul medio e basso Tirreno:


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum