Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Tempesta in arrivo sull’Europa centrale?

C’è preoccupazione su molti settori dell’Europa centrale per i primi giorni della prossima settimana. Si teme una tempesta paragonabile a quella del dicembre 1999, che i meteorologi chiamarono “Lothar”. La situazione è davvero simile o sussistono delle differenze?

In primo piano - 10 Gennaio 2004, ore 10.37

Da qualche giorno, tutto il settore centro-occidentale dell’Europa è alle prese con venti a tratti intensi che accompagnano sistemi nuvolosi in rapida sequenza. L’estrema velocità delle correnti aeree non consente il persistere delle precipitazioni, che si presentano sporadiche e non durature. Nel corso dei prossimi giorni, tali correnti potrebbero ulteriormente intensificarsi a causa di una profonda depressione che si posizionerà tra il Regno Unito e la Scandinavia. A preoccupare saranno soprattutto i venti forti, che tra lunedì e martedì soffieranno soprattutto sulle Isole Britanniche, la Francia, l’Olanda, il Belgio e la Germania. Il gradiente di pressione che si avrà procedendo da nord verso sud appare al momento rilevante; questo fattore risulta di vitale importanza per stabilire l’esatta intensità dei venti e le zone che verranno maggiormente colpite. L’Europa ricorda quello che successe tra il 25 e il 26 dicembre del 1999, quando un’autentica tempesta, denominata “Lothar” sconvolse gran parte del nostro Continente. Al momento non sembra ci siano molte analogie con quel fatto: i geopotenziali in quota non sono così bassi e soprattutto il gradiente di pressione ( ovvero la variazione della pressione atmosferica da punto a punto) è si rilevante, ma non in grado di scatenare una tempesta di quelle proporzioni. In 26 dicembre del 1999 le correnti occidentali si erano spinte addirittura fin sul nord Africa, con l’alta pressione sub-tropicale molto a sud. La prossima settimana, invece, l’alta pressione sarà distesa dalla Penisola Iberica alla parte bassa del Mediterraneo. Questo imporrà una leggera “distorsione” alle correnti aeree che perderanno un po’ di forza, almeno sulla Svizzera, sull’Austria e sulla Francia centro-meridionale. In questi settori i venti saranno intensi, ma non paragonabili a quelli di “Lothar”. Sulle Isole Britanniche, il nord della Francia, l’Olanda, il Belgio e la Germania le correnti sembra si presentino “rettilinee”, senza distorsioni evidenti. Su questi settori il gradiente pressorio appare piuttosto accentuato, con differenze notevoli da punto a punto. Di conseguenza, a nostro giudizio, saranno queste zone ad essere maggiormente a “rischio tempesta” soprattutto tra lunedì 12 e martedì 13 gennaio.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum