Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

TEMPERATURE: ecco cosa dovremo aspettarci nei prossimi giorni in Italia ed in Europa

Dopo una lunga fase INVERNALE caratterizzata da valori termici SOTTOMEDIA, potrebbe subentrare una fase più stabile dalle caratteristiche "quasi" primaverili. Vediamo nel dettaglio comportamenti e movimenti delle figure bariche in Europa nella seconda decade di febbraio.

In primo piano - 10 Febbraio 2017, ore 17.00

Masse d'aria fredda di origine continentale, ancora influenzano lo stato del tempo dei settori settentrionali ed orientali d'Europa, laddove ritroviamo una figura anticiclonica piuttosto importante che determina in loco movimenti "antizonali" che trascinano masse d'aria gelida dai settori nord-orientali della Russia verso la parte centrale del continente. Col passare dei giorni tale situazione andrà tuttavia a subire delle profonde modifiche, in quanto viene prevista ormai da diversi giorni sull'Europa occidentale, l'approfondirsi di una circolazione ciclonica foriera di un richiamo piuttosto consistente d'aria temperata che porterà conseguenze sulla circolazione dell'intero continente.

A risentirne saranno in primis i settori centrali del Mediterraneo; questo flusso di calore andrà poi a convergere all'interno del nostro anticiclone nord Europeo, rinforzandone la cosiddetta "componente dinamica".

L'interruzione del forcing delle onde di calore rivolto alle elevate latitudini, porterà inoltre ad uno spostamento del fulcro dell'anticiclone dai settori nord atlantici e nord europei verso quelli della fascia delle medie latitudini. Per tutto il periodo preso in esame prevediamo pertanto una lenta ascesa dei valori termici che inizialmente si farà sentire soprattutto in quota, per poi estendersi anche nei bassi livelli ed al suolo, portando forse come epilogo finale, la primissima parentesi di stampo primaverile entro la metà di febbraio.

L'evoluzione prevista in questa seconda decade di febbraio, potrebbe riportare la colonnina di mercurio su valori blandamente sopramedia, seppur senza alcun particolare eccesso. Le aree maggiormente interessate da tale incremento termico sarebbero quelle centrali ed occidentali del Mediterraneo, l' Europa centrale ed in parte quella orientale, la parte meridionale della penisola Scandinava. L'apice del riscaldamento ipotizzabile tra mercoledì 15 e venerdì 17 febbraio.

In seguito potrebbero nuovamente profilarsi delle nuove novità in chiave instabile ma avremo modo di riparlarne.

Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 00.32: A14 Ancona-Pescara

incidente

Ripristino incidente causa incidente nel tratto compreso tra Loreto-Porto Recanati (Km. 245,5) e An..…

h 00.32: A25 Torano-Pescara

vento-forte

Vento forte nel tratto compreso tra Cocullo (Km. 121,8) e Scafa-Alanno (Km. 166,6) in entrambe le..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum