Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Super Nina, ecco le conseguenze sul clima

L'ultimo episodio legato alla Nina del Pacifico ha ritoccato verso il basso in modo sostanziale le temperature in bassa troposfera.

In primo piano - 4 Febbraio 2011, ore 10.15

Chi ancora non fosse convinto di quanto siano determinanti nelle variazioni climatiche del pianeta le conseguenze prodotte da particolari fenomeni naturali dovrà quantomento fermarsi a riflettere.

Pensate alle temperature di un oceano, il Pacifico per l'esattezza. Ora stringiamo l'area di interesse e soffermiamoci sulla fascia tropicale dello stesso oceano, esattamente quella che vede al suo estremo occidentale l'Australia e a quello orientale il sud America.

Ora, dobbiamo sapere che lungo questo tratto di oceano, a causa soprattutto della presenza o meno di particolari venti chiamati Alisei e della loro forza ed estensione, si verifica uno sbilancio di temperatura che vede periodi dove le acque più calde sono relegate in un angolino nei pressi del comparto australiano (Nina, prevalenza di acque fredde lungo la fascia oceanica), altri dove invece le stesse convergono in massa dalla parte opposta (Nino, prevalenza di acque calde lungo la fascia oceanica). Abbiamo scoperto un ciclo naturale detto ENSO.

Orbene, il meccanismo dell'ENSO da solo è capace di alterare la temperatura globale del Pianeta di diversi centesimi di grado a distanza di pochi mesi dalla sua fase di picco. Ne sono testimonianza lo storico evento di Nino targato 1998, che vide le temperature del Pianeta salire come mai avevano fatto dall'inizio delle misure satellitari (1979), ma anche l'attuale fase di Nina, l'evento opposto, che ha visto cadere letteralmente la temperatura globale fin quasi ad azzerare le sue anomalie medie su scala trentennale (grafico allegato).

E abbiamo accennato alle forzanti indotte solo dal ciclo dell'ENSO, senza minimamente accennare ad una miriade di altre sigle che corrispondono ad attrettanti indici climatici a ciclo periodico e neanche alle forzanti solari, fonte primaria dell'energia a disposizione dell'atmosfera. Insomma fate voi....


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum