Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Sull'Italia arriveranno solo le briciole del peggioramento spagnolo

Il peggioramento riguarderà soprattutto la Francia e la Spagna: per l'Italia, come ogni volta che un fronte cerca di entrare da ovest, si manifesteranno i "soliti" problemi.

In primo piano - 10 Novembre 2005, ore 11.28

Se il Colonnello Bernacca potesse vedere le "giravolte" che fanno le perturbazioni atlantiche sull'Europa in questi ultimi anni rimarrebbe a dir poco stupito. I peggioramenti ci sono, le piogge arrivano alle porte dell'Italia, innondano il Golfo del Leone e la Costa Azzurra, ma quando si apprestano ad interessere l'Italia (segnatamente il nord-ovest) c'è sempre un blocco, un'alta pressione o una corrente sfavorevole che vanifica l'entità dei fenomeni. Le piogge in Italia ci sono, ma esse sono legate sempre più spesso a minimi vaganti, che possono accanirsi su alcune zone e lasciarne a secco altre. In questo frangente le piogge erano attese sul nord-ovest, cosi come la neve sulle Alpi centro-occidentali, zone che hanno beneficiato meno delle precipitazioni degli ultimi tempi. Il deficit idrico sul nord-ovest è in alcuni casi ancora elevato, dato che da molto tempo manca una situazione adatta per piogge copiose su questo settore dell'Italia. Siamo nelle mani del "mal di Spagna", che si farà nuovamente sentire anche con il prossimo peggioramento. Qualche pioggia sull'Italia arriverà, ma il grosso ancora una volta ci saluterà nemmeno da troppo lontano, arrivando come al solito a lambirci, senza interessarci. In poche parole, nel prossimo fine settimana, si costruirà una spigolosa saccatura sulla Francia e sul Mediterraneo occidentale. I fenomeni riusciranno a spingersi ( sempre nel week-end) fin sulle regioni di nord-ovest e sulle due Isole Maggiori. Sembrerebbe l'inizio di un bel forcing perturbato per queste zone d'Italia invece, come per miracolo, il tutto tenderà a sprofondare verso sud in direzione delle Baleari e della Spagna. Sull'Italia arriveranno le briciole di questo peggioramento, con piogge mal organizzate e locali. La colpa? Beh, delle alte pressioni, come al solito. Già sulla nostra Penisola la pressione stenterà a diminuire e questo non deporrà di certo a favore di una spiccata fenomenologia. Inoltre il solito anticiclone delle Azzorre, invece di rimanere "in piedi" in Atlantico, tenderà a coricarsi verso l'Europa centrale. Questo taglierà in parte i rifornimenti freddi alla depressione, che invece di mantenersi alta di latitudine, tenderà a sprofondare verso le Baleari e la Spagna, lasciando l'Italia in una specie di "limbo". Al momento questa sembra essere la tesi più probabile, anche se la situazione è ancora in evoluzione. Sarebbe davvero un peccato che il nord-ovest non riuscisse ad accumulare millimetri e neve sulle Alpi con questo tipo di situazione. Sarebbe una vera occasione sprecata, ma c'è ancora tempo!

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum