Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Stratwarming: stratalert in corso

Quello attivo attualmente è uno Stratwarming determinante per il tempo sulla nostra Penisola?

In primo piano - 16 Dicembre 2002, ore 10.10

Come vi avevamo promesso a suo tempo, appena si è presentata l’occasione di parlare nuovamente del fenomeno Stratwarming (di cui troverete eventualmente informazioni e spiegazioni nell’articolo correlato) abbiamo deciso di aggiornarvi sulla situazione. Stando a quanto dicono gli studiosi di Berlino, da circa 3-4 giorni siamo in una fase di "Stratalert"; questo cosa vuol dire? Che in alcune zone della troposfera nell’emisfero nord si è verificato in pochi giorni un riscaldamento o un raffreddamento anomalo, che alla lunga potrebbe portare delle conseguenze sulla troposfera e quindi sulla disposizione delle figure di alta pressione e delle depressioni a noi più note. Ma entriamo nel dettaglio e vediamo cosa dice uno dei comunicati che diffusi negli ultimi giorni: innanzitutto si focalizza l’attenzione sulla posizione e la forma del vortice polare nella stratosfera; il suo unico centro attualmente si trova sull’oceano artico in prossimità della Groenlandia settentrionale sia nella alta che nella bassa stratosfera. Si cercano poi eventuali anomalie termiche negative: nella bassa e media stratosfera (fino alla superficie isobarica di 3 hPa) c’è attualmente un "lago" freddo che si estende dalla Baia di Baffin (fra Groenlandia e Canada) alla Norvegia, mentre nell’alta stratosfera (fino alla superficie di 1 hPa) sono presenti due distinti nuclei di aria fredda: uno sull’Europa centrale ed un altro sulla Siberia orientale. Si passa poi alla descrizione delle figure di alta pressione presenti a quote molto elevate: attualmente alla quota di 20 hPa circa (quindi nella media stratosfera) è presente un robusto anticiclone con massimo sulla verticale dell’Isola di Sakhalin (Oceano Artico siberiano orientale); questo è sviluppato con un asse obliquo, ed infatti alla quota di 1 hPa (alta stratosfera) lo ritroviamo sullo Stretto di Bering. Infine si individuano le Regioni con anomalia termica positiva: proprio in corrispondenza dell’anticiclone descritto precedentemente nella bassa e media stratosfera è presente una massa di aria anomalamente calda; questa al contrario dell’anticiclone si sta spostando verso il cuore del continente asiatico. Più in alto una massa calda si distende dal Mediterraneo fino al Mare di Barents generando così un notevole aumento della temperatura partendo dalla bassa stratosfera fino agli 80 km di quota. Adesso date tutte queste informazioni gli studiosi tedeschi provano a dare una previsione per i prossimi 5 giorni sullo spostamento di tutte le figure bariche e termiche descritte: a quanto pare il vortice polare lo ritroveremo attorno allo Spitzbergen nella bassa stratosfera, mentre a quote più elevate si sposterà allungandosi verso il Mare di Norvegia; la massa di aria fredda invece si estenderà fra il Mare di Norvegia alle quote stratosferiche basse, e l’Isola di Vancouver in Canada alle alte quote. Anche l’anticiclone continuerà ad estendersi con asse obliquo dalle Isole Aleutine (a quote basse) verso la penisola della Kamchatka (a 1 hPa); infine la massa di aria anomalamente calda si estenderà dal Mare di Bering fino alla Siberia centrale generando un gradiente di temperatura (ossia una variazione termica con la quota) opposto a quello normalmente presente fra 1 e 5 hPa. Lo Stratalert quindi esiste a causa di condizioni troppo "fredde" nella bassa stratosfera fra la Groenlandia e l’Europa settentrionale, mentre più in alto per un anomalo aumento di temperatura. Come si vede si tratta di comunicati "crudi" nel linguaggio, ma che devono essere interpretati in qualche modo; vi possiamo dire che per adesso non ci saranno particolari conseguenze sul tempo europeo, a causa della debolezza del fenomeno e probabilmente non ce ne saranno nemmeno in futuro. Eventualmente se fra 5-7 giorni (quando l’aria fredda nella bassa stratosfera potrebbe arrivare ad interessare più direttamente la troposfera) ci saranno ulteriori sviluppi, vi ragguaglieremo ulteriormente sull’accaduto. E’ comunque bene tener presente che uno Stratalert del genere si verifica normalmente anche 2-3 volte l’anno, quindi con un gioco di parole possiamo dire che "anomalie del genere sono del tutto normali" ( per quanto riguarda l’economia della circolazione globale del nostro emisfero.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 00.19: A1 Firenze-Roma

coda incidente

Code per 1 km causa incidente nel tratto compreso tra Fabro (Km. 428) e Orvieto (Km. 451,4) in d..…

h 00.17: A4 Torino-Milano

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Svincolo Novara Ovest (Km. 82,9) e Svincolo Marcallo inizio Mesero..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum