Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

STOP all'effetto serra! Ecco come

Oggi sono a disposizione tutte le tecnologie per fermare le emissioni di gas nocivi come anidride carbonica e metano. Basterebbe una minore avidità e un po' di buona volontà per servirsene...

In primo piano - 3 Settembre 2004, ore 15.14

Con la definizione un po' generica di "effetto serra" si racchiudono, in maniera un po' semplicistica, diversi concetti e teorie. C'è l'effetto serra naturale creato dall'atmosfera, in particolar modo dal vapor acqueo, che è quello che ci permette di vivere, piante e animali compresi, regolando la distribuzione termica sul nostro Pianeta. Dall'inizio dell'età industriale ha preso forma un effetto serra "collaterale", sulle cui ripercussioni sul clima e sulla salute della Terra gli scienziati dibattono e si dividono da anni: i serristi credono che la massiccia immissione di gas (detti serra) come ad esempio anidride carbonica e metano attraverso le attività industriali, provocherà un continuo riscaldamento globale fino allo scioglimento delle calotte polari con inondazioni e danni incalcolabili; i freddisti al contrario pensano che la Terra stia andando verso una nuova era glaciale (di cui non si conoscono i tempi e le modalità) e che anzi, il parziale scioglimento dei ghiacci polari con l'inceppamento della Corrente del Golfo finirà col favorire il congelamento dell'Europa. Comunque la pensiate, l'inquinamento prodotto continuando a bruciare combustibili fossili è sotto gli occhi di tutti: per produrre energia e per far camminare le automobili dovremmo prima o poi smetterla di utilizzare petrolio, carbone e metano, non fosse altro che sono risorse limitate. Ne sono convinti anche alcuni ricercatori della Princeton University che sostengono che attualmente abbiamo a disposizione tutti i mezzi per ridurre o fermare l'emissione di sostanze tossiche per la salute umana e molto probabilmente anche per il clima. In una ricerca pubblicata su "Science" individuano almeno 15 tecnologie sostitutive al petrolio e al carbone come ad esempio l'energia solare, quella eolica e la nucleare, anche se su quest'ultima ci sono grandi problemi di sicurezza e di smaltimento delle scorie. Secondo gli studiosi, applicando su larga scala le fonti di energia alternative, non solo si ridurrebbero i livelli dei gas nocivi nell'atmosfera in appena 50 anni ma si avrebbero anche degli interessanti risvolti economici: non più un gruppo ristretto di petrolieri arcimiliardari ma moltissime nuove imprese e soprattutto la fine della dipendenza dai "capricci" legati al costo del petrolio. Ogni anno finiscono nell'atmosfera circa 7 milioni di tonnellate di CO2. Nel prossimo secolo questa quota è destinata a raddoppiare, stante l'aumento demografico e il maggior progresso nei Paesi del "terzo mondo", con un aumento generale dei consumi. Con le fonti di energia alternativa queste emissioni crollerebbero. Cosa ci impedisce di utilizzarle? Secondo molti studiosi di ecologia e biologia non sarebbe vero che queste soluzioni non sono attuabili in breve tempo. È tutto pronto ma finché il guadagno estremo e a tutti i costi sarà sempre messo al primo posto continueremo a bruciare petrolio, metano e carbone e ad inquinare...

Autore : Simone Maio

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum