Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

SPECIALE: perturbazioni atlantiche addio? Mediterraneo con tempo "fai da te"? L'opinione di Paolo Bonino

L'opinione dei nostri esperti: qui Paolo Bonino.

In primo piano - 3 Maggio 2006, ore 11.59

...una volta comparivano dal Portogallo e dalla Spagna. L'osservatore anche profano le osservava attraverso le immagini satellitari. Erano le perturbazioni atlantiche... Prima la Penisola Iberica, poi la Francia e alla fine l'Italia! Certo, non era sempre così, tuttavia la presenza del "brutto tempo" sull'Europa occidentale era spesso sinonimo di un prossimo peggioramento in Italia, ad iniziare dalle regioni occidentali. Già all'inizio degli anni 90, questi autentici "treni" carichi di pioggia hanno iniziato a diminuire di numero. Tuttavia la loro presenza era più o meno garantita dalla concomitante azione di un flusso zonale ( ovvero da ovest verso est) ancora in grado di fare evolvere le figure bariche verso levante. Volendo analizzare il passato più prossimo, il 2000 fu l'ultimo anno dominato quasi per intero dalle correnti occidentali. Anche il 2001 e il 2002 hanno spesso alternato fugaci apparizioni del flusso perturbato occidentale, specie il 2002, anche se le situazioni di blocco non sono certo mancate. Il vero tracollo dell'Atlantico, a mio giudizio, si è avuto dopo la terribile estate del 2003. Partendo da quel periodo e arrivando fino ai nostri giorni, le perturbazioni in ingresso da ovest sono praticamente sparite. Al loro posto è subentrata una circolazione meridiana, che scaturisce dalla presenza di una struttura di alta pressione quasi sempre ubicata, con i suoi massimi in quota, ad ovest della Penisola. In poche parole, la pressione sul Mediterraneo occidentale e sulla Penisola Iberica sembra essere aumentata nel corso di questi ultimi anni, per merito di un'alta pressione sub-tropicale sempre in gran forma. L'alta pressione sub-tropicale possiede di norma geopotenziali altissimi al suo interno. Di conseguenza tutte le perturbazioni in arrivo da ovest sono sempre più spesso costrette ad aggirare questo ostacolo ( che assomiglia vagamente ad una gobba), presentandosi poi da nord o da nord ovest sull'Italia. Con questa situazione, la pluviometria del nostro Paese non può che venire pesantemente falsata! Il nord ( segnatamente il nord-ovest) risulta svantaggiato, mentre il centro-sud si trova alle prese con piogge superiori alle medie annue. Da cosa dipende questo aumento pressorio sui settori occidentali dell'Europa? E' una bella domanda. Analizzando la carte bariche, si nota spesso che ogni volta che l'alta pressione azzorriana si sbilancia verso nord, in prossimità delle Isole Canarie è presente una depressione, o meglio una goccia fredda che limita lo spazio dell'alta pressione a quelle latitudini. Di conseguenza l'alta pressione deve cercare altri spazi dove estendersi. La presenza di un flusso atlantico poco attivo ne consente l'espansione verso nord. Quando l'anticiclone raggiunge il Golfo di Biscaglia e la Francia non c'è più nulla da fare: tutto si blocca e gli unici scambi possibili sulla nostra Penisola risultano essere quelli meridiani. In un prossimo futuro si tornerà nuovamente a parlare di perturbazioni atlantiche o la situazione meridiana sarà sempre più esasperata? Personalmente penso che il clima possa fluttuare nel corso dei secoli. Del resto il clima viene indicato come "il complesso della situazioni meteorologiche di un determinato luogo"; se fluttuano queste, fluttua di conseguenza anche il clima stesso. A mio giudizio si tratta comunque di un ciclo. Difficile dire quando avverrà una compensazione o soprattutto quanto potrà durare questo ciclo. Sta di fatto che se la circolazione meridiana dovesse esasperarsi ulteriormente, alcune regioni italiane vedrebbero crollare i loro apporti pluviometrici anno dopo anno, con tutte le conseguenze del caso.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 10.11: SS107 Silana Crotonese

incidente

Incidente a Incrocio Paola - SS18 Tirrena Inferiore in entrambe le direzioni…

h 10.08: A4 Milano-Brescia

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Capriate (Km. 162,7) in uscita in direzione da Milano dalle 10:04 d..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum