Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

SPECIALE NEVE e MALTEMPO in arrivo

Cosa accadrà durante e subito dopo il passaggio del fronte freddo in transito sull'Italia tra venerdì e sabato?

In primo piano - 1 Ottobre 2008, ore 10.11

La stretta saccatura in arrivo nella giornata di venerdì proporrà sull'Italia l'inserimento della corrente a getto con sicure garanzie di forte maltempo dapprima sulle regioni centrali e sulle centrali tirreniche e poi su medio Adriatico e meridione, maggiormente soggette al passaggio del ramo ascendente della jet stream. Inserito nella saccatura viaggerà certamente un attivo fronte freddo che attraverserà il Paese da nord-ovest verso sud-est rallentato dalla formazione di una depressione al suolo che dalla Valpadana si trasferirà gradualmente sulle Venezie e poi sulle regioni centrali. Nella fase finale del passaggio frontale e subito dopo si verificherà certamente un afflusso di aria fredda di origine arrica marittima che apporterà un sensibile calo della quota dello zero termico sia sulle Alpi che sull'Appennino settentrionale e centrale del versante adriatico. Evidenziamo in questi articoli le conseguenze a livello nevoso sul nostro Paese: VENERDI POMERIGGIO: nevicate sparse sul settore alpino e prealpino centro-orientale a carattere di rovescio con limite in abbassamento rapido da 2200 a 1500m. VENERDI SERA: i fenomeni continueranno in serata sulle Dolomiti e in genere sulle Alpi orientali con limite a 1000m e nelle vallate superiori al confine con l'Austria nella notte anche fin verso i 900m. Contemporaneamente sulle Alpi centro-occidentali soffierà il Favonio e, ad eccezione delle zone confinali lombarde e dell'Ossola non si verificheranno precipitazioni. Sull'Appennino romagnolo e su quello marchigiano intanto il limite della neve si abbasserà sin verso i 1500m. SABATO MATTINA: ancora neve all'alba su Dolomiti, alto Cadore, Tarvisiano ma con tendenza a miglioramento già nel corso del mattino, ultimi fiocchi solo sui crinali alpini di confine con l'Austria. Rovesci nevosi invece si presenteranno su Romagna, Marche e monti abruzzesi a quote comprese tra 1000 e 1400m con limite medio dei fiocchi sui 1100m. Anche qui verso sera è previsto un generale miglioramento. CONCLUSIONI: in definitiva questo mese di ottobre si presenta con un classico episodio da autunno inoltrato, come già accaduto in passato. Certamente comunque il passaggio del fronte freddo rimarrà un episodio rilevante in questo ottobre 2008. CONSIGLI: non avventuratevi in quota oltre i 1500m nelle giornate di venerdì e sabato sulle Alpi sia per il vento, per il freddo e per la neve.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum