Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Settimana di Ferragosto meno calda ed a tratti instabile?

La breccia che potrebbe aprire il passaggio temporalesco del 9 agosto, potrebbe essere poi sfruttata da una vasta circolazione depressionaria in transito sul centro Europa e diretta verso est, con riflessi in sede mediterranea e dunque sull'Italia.

In primo piano - 1 Agosto 2013, ore 10.44

Il guasto temporalesco dell'8-9 agosto su nord e Toscana, SE confermato e ribadiamo SE, potrebbe davvero aprire un varco nel quale poi andrebbe parzialmente ad infilarsi un'altra saccatura facente capo ad un vortice depressionario abbastanza profondo in movimento dalla Danimarca verso verso le Repubbliche Baltiche.

L'Italia si troverebbe lungo il bordo meridionale della saccatura e la corrente a getto, oltre a veicolare aria sensibilmente più fresca, favorirebbe tempo spesso nuvoloso e a tratti piovoso sulle Alpi, oltre che molti temporali su Triveneto e regioni adriatiche.

Il tutto nella prima parte della settimana di Ferragosto, che dunque, come già segnalato ieri, si presenterebbe a tratti instabile e sicuramente meno calda del periodo attuale. In seguito l'alta pressione tornerebbe ad impossessarsi almeno in parte del bacino centrale del Mediterraneo riportando stabilità da venerdì 16 in poi, ma sempre con le Alpi al limite della protezione anticiclonica ed ancora vulnerabili rispetto ad eventuali nuovi passaggi frontali da ovest.

Per finire una riflessione: osservando lo schema barico estivo degli ultimi anni, aldilà dell'inattesa performance azzorriana di inizio luglio, salta all'occhio la ripetitività dell'assetto: saccature che ci raggiungono da ovest e in quel caso temporali, segnatamente al nord, più caldo e stabilità procedendo verso il centro-sud, fiammate africane se le saccature affondano troppo ad ovest, nessuna irruzione fresca da nord-est e assenza quasi totale di una circolazione da est, nessuna goccia fredda importante che stazioni in sede mediterranea.

Questa, aldilà di qualche isolata annata più instabile, come il 2002 ad esempio, è stata la caratteristica delle nostre estati dal 2000 ad oggi.   


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum