Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Secondo voi sta per piovere?

La linea di congesti, "flanking line" come si dice tecnicamente, è stata originata da un temporale nelle vicinanze ma le precipitazioni nel nostro punto di osservazione non sono ancora iniziate.

In primo piano - 19 Marzo 2010, ore 14.59

Si parla di "flanking line" quando l'aria calda viene sollevata bruscamente dall'ingresso di aria più fredda negli strati bassi dell'atmosfera. Fino a pochi minuti prima c'era molta foschia sulla zona, ma il cielo era poco nuvoloso. Ora il cielo è molto nuvoloso, vi sono molti cumulus congestus, generati dalla cellula principale, un calvus e un capillatus incus affogati nel mare di nubi color pece. La foschia è scomparsa: sta affluendo aria più fredda e secca ma il contrasto che ha prodotto ha generato questa linea temporalesca. Non siamo però di fronte ad una classica "squall line" una linea temporalesca ben definita connessa ad un irruzione fredda generalizzata; qui si tratta di infiltrazioni che possono generare movimenti incrociati del vento alle varie quote. Un movimento incrociato si definisce "shear": più è accentuato più i fenomeni rischiano di divenire violenti e e i cumulonembi grandinigeni. Un temporale si sta muovendo più a sud rispetto al nostro punto di osservazione, ma l'aria fredda che ha generato con i suoi rovesci, ha costruito questa linea di congesti in fase di ulteriore sviluppo. Non si notano "virga" precipitative, ma qualche gocciolone lungo il bordo avanzante della flanking sta già cadendo. La presenza di un capillatus incus più a sud è mascherato dall'ammasso aggrovigliato e livido di cumuli soprastanti. Trattandosi di una cella molto attiva è probabile che la "figliata" evolva in un temporale secondario, pronto ad intervenire anche sulla nostra zona, ma con fenomeni di breve durata, visto il sereno che già si scorge sotto la base dei cumuli e la velocità dell'ammasso nuvoloso stesso. In ogni caso un breve rovescio è ormai quasi sicuro. Se la cumulogenesi evolve può scapparci l'attività temporalesca vera e propria. (temporale multicella) Il fulmine incide sulle precipitazioni stimolando le discendenze, ma una volta innescati i rovesci, trova difficoltà a farsi largo per raggiungere il suolo e, generalmente aspetta la fine delle precipitazioni più abbondanti per scaricarsi nuovamente a terra.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 15.27: A51 Via Raffaele Rubattino incrocio Tangenziale Est Di Milano

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Svincolo SP208 Carugate: Brugherio Nord (Km. 17,8) in uscita in dire..…

h 15.24: A14 Bologna-Ancona

coda rallentamento

Code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Bologna Borgo Panigale (Km. 4,8) e Allacciament..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum