Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Secondo AFFONDO FREDDO tra la metà e la fine della settimana prossima: tutti i dettagli!

Esaurita la prima "bordata" perturbata, se ne potrebbe aprire una seconda ben più fredda ed instabile. Ecco i possibili sviluppi.

In primo piano - 19 Gennaio 2007, ore 11.05

Ci siamo quasi! I tempi di attesa si riducono e le analisi a nostra disposizione non vengono smentite, almeno per il momento. Tempo più dinamico, invernale, con la fine delle nebbie e del caldo, ma soprattutto la fine del dominio dell'alta pressione. Ecco il menù che il tempo ci proporrà a partire dalla giornata di lunedì. Gli affondi che tenteranno di espugnare l'alta pressione dal Mediterraneo una volta per tutte saranno in sostanza due. Il primo si materializerà tra lunedì e mercoledì, mentre il secondo tra la metà e la fine della settimana prossima. Sul primo affondo le idee sono abbastanza chiare: l'aria fredda scenderà dalla Francia al Mediterraneo occidentale, attivando una risposta di venti meridionali e conseguente maltempo al nord e sul Tirreno da lunedì a martedì sera. In sostanza, questo primo affondo porterà molte precipitazioni e poco freddo, dato che le correnti saranno in prevalenza di Scirocco o di Libeccio. Il grande nord, tuttavia, non si accontenterà di così poco! Tra le giornate di mercoledì e giovedì verrà organizzato un nuovo assalto, questa volta più centrale, con temperature e geopotenziali molto bassi. Dove andrà a parare? A questa domanda, al momento, non sappiamo rispondere. In questi casi basta un lieve spostamento della colata per avere effetti diametralmente opposti anche su pezzi di territorio abbastanza ristretti. Al momento la tesi più probabile vede una colata abbastanza centrale, con effetti vistosi nel campo termico, ma piuttosto scarsi in quello precipitativo. Non si attiverebbero difatti risposte di aria umida sufficienti a garantire copiose nevicate sulla nostra Penisola. Ribadiamo comunque che la situazione è in continua evoluzione. Se la colata dovesse passare dal Rodano invece di addossarsi alle Alpi, gran parte della Penisola (quantomeno il centro e il nord) potrebbero avere precipitazioni nevose fino al piano. Mai come in questo caso saranno preziosi i prossimi aggiornamenti. Seguiteci!

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum