Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

RITA: ultime ore prime dell'approdo, colpirà in pieno Port Arthur!

Le ultime notizie sull'uragano.

In primo piano - 23 Settembre 2005, ore 10.08

Ha perso leggermente potenza Rita ma i suoi venti soffiano ancora oltre i 230 km/h e punta sempre di più verso nord. Rispetto alle ultime ore sembra che il suo obiettivo privilegiato sia PORT ARTHUR, cittadina ai confini con la Louisiana, anche Galveston, Pasadena e Houston verranno colpiti ma in misura leggermente più blanda di quanto si preventivava solo ieri. Dovrebbe invece subire grossi danni Beaumont, subito più a nord di Port Arthur, a rischio anche Lake Charles. Quando invece l'uragano raggiungerà Dallas e Shrevenport sarà molto più blando, declassato alla categoria 1 o poi a tempesta tropicale. La cosa è abbastanza normale: l'uragano trae energia dall'oceano, il landfall, cioè il suo inserimento sulla terraferma lo priva in poche ore di gran parte della sua energia. Come mostrano le cartine del modello americano la pressione andrà sensibilmente aumentando e Rita non farà più paura. Dopo Rita, nel Golfo del Messico arriverà Stan: ancora non si sa quando si formerà, ma il suo nome ormai si trova nelle liste compilate dall' Organizzazione meteorologica mondiale (Omm) per ogni regione del pianeta colpita da uragani. Per la regione Caraibi, Golfo del Messico e Atlantico Nord', l'elenco del 2005 va da Arlene a Wilma, in rigoroso ordine alfabetico. Inoltre, nomi maschili e femminili si alternano: Ophelia, Philippe, Rita, Stan, Tammy. Le liste, stabilite dai comitati regionali, sono gia' pronte nientemeno che fino al 2010. Contrariate dal fatto che le calamita' naturali prendessero nomi esclusivamente di donna, le femministe americane riuscirono ad imporre l'alternanza alla fine degli anni '70. Altre zone a rischio (Pacifico Nord-Ovest, Golfo del Bengala, Mare della Cina) includono nelle loro liste nomi di animali o di piante, tradotti nelle loro lingue regionali. "E' una questione di cultura: ad alcune regioni non piace usare nomi di persona'', dice Nanette Lomarda, responsabile del programma di sorveglianza dei cicloni tropicali all'Omm. Inoltre - aggiunge - quando un uragano e' stato particolarmente devastante o letale ''il suo nome e' cancellato dalla lista''. E cosi' che non ci sara' piu' un uragano Andrew (agosto 1992, 23 morti e 21 miliardi di dollari di danni nel sud degli Stati Uniti), ne' Mitch (5.657 morti e 8.050 scomparsi nel 1998 in Honduras), ne' Charley, ne' Ivan, che colpirono la Florida e Cuba in agosto-settembre 2004.

Autore : Alessio Grosso e report redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 15.24: A14 Bologna-Ancona

problema rallentamento sdrucciolevole

Traffico rallentato causa ripristino urgente fondo stradale nel tratto compreso tra Allacciamento A..…

h 15.19: SS73 Senese Aretina

blocco incidente

Chiusura corsia, incidente a 18,153 km prima di Incrocio Le Ville (Km. 168,7) in entrambe le dire..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum