Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ribaltone modellistico a medio e lungo termine: evento isolato o nuova tendenza?

I modelli matematici dopo aver proposto per qualche giorno una linea di tendenza improntata al ritorno deciso dell'inverno, questa mattina fanno decisi passi indietro proponendo un ritorno della zonalità sulla media Europa con un sostanziale proseguimento del clima mite sul Mediterraneo: si tratta di una nuova linea di tendenza?

In primo piano - 10 Gennaio 2013, ore 12.00

Nell'indecisione generale che come sempre domina le previsioni sul lungo termine, questa mattina appaiono piuttosto ridimensionati gli scenari di gran freddo associati ad una destrutturazione del Vortice Polare sino ai bassi livelli atmosferici, una previsione che era stata il comune denominatore delle uscite modellistiche negli ultimi giorni e che quindi sembrava abbastanza probabile.

Nelle ultime 24 ore a cominciare dal modello americano GFS è stato fatto un deciso dietrofront di tutto quello che era stato pazientemente costruito in precedenza. Le dinamiche previste erano votate verso un deciso "split" del Vortice Polare, con una suddivisione in due poli principali di freddo, il primo previsto isolarsi sul Canada, il secondo scendere gradualmente verso l'Europa con moto retrogrado.

Cosa è successo alla previsione?

L'avvicinarsi della scadenza previsionale permette ai modelli di comprendere più a fondo quali sono gli scenari possibili a livello europeo e mediterraneo ogni qual volta in stratosfera si manifestano riscaldamenti di grande portata. Ogni previsione deterministica è frutto di una incredibile quantità di dati elaborati da megacomputer (si parla di milioni di miliardi!) al fine di ottenere una previsione quanto più affidabile possibile. 

La nuova linea di tendenza tracciata ieri dal modello americano questa mattina è stata seguita a ruota anche dal modello inglese ECMWF il quale propone anch'esso un sostanziale ritorno della zonalità.  Le temperature risulterebbero in linea col periodo, alternate di tanto in tanto al passaggio di qualche modesto fronte atmosferico da ovest verso est.

Un'altra novità degna di menzione è rappresentata dagli spaghi Ensemble del modello americano GFS. Con gli aggiornamenti di questa mattina molti run perturbatori propendono verso un mantenimento della temperatura su standard piuttosto tiepidi almeno sino alla terza decade di gennaio con scarse novità in vista. Il quadro esposto rende la nuova linea di tendenza degna di essere considerata e purtroppo, con buona pace degli amanti dell'inverno e della stagione fredda, neppure troppo "campata per aria".

La frequenza degli Stratwarming: nonostante questo fenomeno di forte surriscaldamento della stratosfera polare possa sembrare eccezionale, in realtà si tratta di un processo piuttosto comune soprattutto quando si va avanti con la stagione. In media se ne contano circa due - tre ad inverno e sono più frequenti durante la seconda metà della stagione con febbraio mese candidato ai surriscaldamenti più rilevanti.

La frequenza con la quale questi surriscaldamenti si propagano verso il suolo non è molto elevata. In pratica esistono un buon numero di eventi Stratwarming che si innescano e si concludono senza che nella bassa atmosfera avvengano grandi stravolgimenti di circolazione. Il felice connubio Stratwarming --> inverno di gran gelo sull'Europa non corrisponde perciò alla realtà dei fatti.

Ipotesi per il futuro di gennaio 2013: esporre una possibile linea di tendenza per la seconda metà di gennaio 2013 a questo punto risulta un azzardo. L'evoluzione presa dai modelli nel corso degli ultimi aggiornamenti non va sottovalutata poichè rappresenta a tutti gli effetti una possibile (nonchè quella statisticamente più probabile) soluzione al grosso rebus che ci trasciniamo ormai da diversi giorni. 

 Il tempo dal 15 al 20 di gennaio? http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/Cosa-ci-aspetta-dal-15-al-20-gennaio-E-dopo-Ipotesi-e-probabilita-/40063/ di Luca Angelini.

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 20.22: A14 Pescara-Bari

problema rallentamento sdrucciolevole

Traffico rallentato causa ripristino urgente fondo stradale nel tratto compreso tra Vasto Nord-Casa..…

h 20.18: A55 Diramazione Per Pinerolo

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Svincolo Gerbole (Km. 9,6) e Svincolo Candiolo (Km. 7,2) in dir..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum