Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Resoconto neve. Risolviamo il mistero degli accumuli al nord-ovest

La sventagliata di nevicate che ha interessato molte zone del nord Italia si è presentata in modo alquanto irregolare, concentrandosi su particolari zone e disdegnandone altre. Vediamo perchè

In primo piano - 5 Gennaio 2008, ore 10.50

Il tempo è fatto cosi: accontenta gli uni e delude gli altri, sorprende da una parte e disattende dall'altra, esalta questi e rende frustrati quelli. Insomma, parafrasando il titolo di una gustosissima opera di un grande e celeberrimo maestro di meteorologia, "il tempo per tutti" non esiste nè tantomeno esiste il modello o il previsore perfetto per ogni metro quadrato di terreno. Se da un lato la neve era stata ampiamente prevista, l'effetto macroscopico degli accumuli ha colto in contropiede modelli e previsori a causa della complessa evoluzione che si è contorta sul nostro territorio tormentato e ricco di spifferi. In sostanza le nevicate sono state distribuite da due perturbazioni. La prima, giunta mercoledi, separava l'aria molto fredda pervenuta in precedenza dall'est europeo e quella più mite sopraggiunta dall'Atlantico. Il corpo nuvoloso è andato parzialmente in disfacimento impattando contro un muro anticiclonico più tenace del previsto e le nevicate sono state pertanto molto deboli e sporadiche disattendendo in gran parte gli accumuli ipotizzati. La seconda perturbazione, più vigorosa, separava l'aria mite giunta dall'Atlantico da quella ancora più tiepida mediterranea. Il corpo nuvoloso è giunto subito alle spalle del precedente andando quasi a tamponarlo. Si inserivano progressivamente venti convergenti alle varie quote i quali si sono poi rivelati determinanti nella distribuzione della neve sul territorio. Sulla Liguria ha tracimato con forza verso il mare la massa fredda presente in pianura Padana attraverso l'Appennino genovese e savonese. Si sono attivati cosi forti venti di tramontana che hanno soffiato impetuosi con direzione nord-nord-est. Nel frattempo alle quote medie un flusso molto umido e più mite proveniente da sud scorreva dal mar Ligure verso la pianura Padana risalendo in verso contrario alla tramontana, mentre alle quote superiori aria umida e tiepida iniziava a scivolare da sud-est sul lato orientale dell'Appennino Tosco-Emiliano. La circolazione ciclonica entro la quale erano inseriti ha costretto questi venti a convergere e l'effetto trampolino indotto dall'Appennino Ligure ha accentuato il contrasto tra le diverse masse d'aria costruendo le condizioni adatte ad abbondanti precipitazioni. Il cuscino freddo presente nei bassi strati ha fatto il resto, ecco quindi le nevicate più consistenti avutesi entro il triangolo immaginario aventi come vertici Genova, Alessandria e Piacenza. L'avvicinamento di un minimo secondario avvenuto nella giornata di venerdi ha poi sospinto ulteriore aria mite dai quadranti meridionali verso il nord-ovest. Ecco il motivo dell'omogeneo subentro della pioggia tra il lato occidentale e quello orientale della val Padana. Il compasso nuvoloso ha abbracciato maggiormente Liguria, Piemonte e il settore padano lombardo più occidentale. Qui è stato quindi più rapido l'apporto di aria mite alle quote intermedie ed ecco dunque l'inaspettata pioviggine su Torino. Il ventaglio precipitativo è andato man mano stemperandosi ai lati del suddetto triangolo, in più lo scirocco che soffiava in Adriatico spingeva per inerzia venti nord orientali su pedemontana lombarda e area piemontese. Ecco dunque le precipitazioni insistenti sul cuneese, i discreti accumuli nevosi di Milano contro i miseri di Varese o Lecco. L'orografia alpina ha invece dato il suo contributo ad alcune vallate alpine interne laddove si è fatto maggiormente sentire un effetto sbarramento. Buoni ad esempio gli apporti nevosi in Valtellina e nelle valli bergamasche.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 15.41: SS17 Dell'appennino Abruzzese E Appulo-Sannitico

blocco

Tratto chiuso causa corsa ciclistica nel tratto compreso tra Incrocio Stazione Di S.Massimo (Km. 20..…

h 15.40: A14 Bologna-Ancona

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Allacciamento A13 Bologna-Padova (Km...…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum