Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Report sui disastri mondiali nel 2013: Il minor numero di eventi, il più basso numero di vittime da 10 anni!

La federazione Internazionale delle società della Red Cross e Red Crescent ha pubblicato il report annuale dei disastri mondiali. E non sono mancate le sorprese...

In primo piano - 22 Ottobre 2014, ore 13.58

Che strano, appena qualche giorno fa la Federazione Internazionale delle società della Red Cross e Red Crescent ha pubblicato il consueto report annuale sui disastri accaduti a livello globale, ma se ne sono accorti davvero in pochi e, quei pochi, lo hanno per lo più letto al contrario.
 
C’entrerà qualcosa il fatto che il numero dei disastri accaduti sul pianeta è il più basso da dieci anni a questa parte e che il numero delle vite umane perdute è sotto la media della decade dell’80%?

Chi lo sa, sta di fatto che quello dell’IFRC è un report che si sposa davvero male con la teoria delle migliaia o milioni di vittime che un clima sempre più fuori controllo dovrebbe mietere.

Un anno fortunato? Può darsi, ma anche così fosse si sente comunque dire esclusivamente il contrario. Come sempre però, i numeri non mentono, così quelli raccolti dal CRED, l’organizzazione che cura il database, parlano chiaro: nessuna traccia di vertiginoso aumento dei disastri e crollo assoluto del numero delle vittime.
 
Interessante la definizione di disastro contenuta nel report:
 
Una situazione o evento che sovrasta la capacità locale richiedendo aiuti a livello nazionale o internazionale per assistenza esterna; un evento imprevisto e spesso improvviso che causa gravi danni, distruzione e sofferenza umana.
 
Questi invece i requisiti:
-Dieci o più persone uccise
-Cento o più persone colpite dall’evento
-Dichiarazione di uno stato di emergenza
-Richiesta di aiuti internazionali
 
E, infine, la classificazione degli eventi:
-Disastri biologici: Infestazioni da insetti, epidemie e attacchi di animali (Le ultime due categorie non sono incluse nel report).

-Disastri geofisici: terremoti e Tsunami, Eruzioni vulcaniche, movimenti di masse asciutte (valanghe, frane etc)

-Disastri climatici: siccità (con associata insicurezza alimentare), temperature estreme e incendi

-Disastri idrologici: alluvioni (incluse le onde e le maree), movimenti di massa umida (valanghe, frane, etc)

-Disastri meteorologici: tempeste (divise in nove sotto-categorie)
 
-Disastri tecnologici

-Incidenti industriali: inquinamento chimico, collasso di infrastrutture, esplosioni, incendi, fughe di gas, avvelenamento e radioattività.
 
Ma, probabilmente, la parte più significativa di questo report è il focus che ha avuto quest’anno su quello che la tecnologia, intesa come accessibilità ai sistemi di comunicazione, di informazione etc, che può e deve fare ridurre al minimo l’impatto degli eventi disastrosi.


Autore : Guido Guidi (www.climatemonitor.it)

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 15.01: A1 Firenze-Roma

coda rallentamento

Code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Firenze Certosa (Km. 295,5) e Incisa - Reggello..…

h 14.57: A11 Firenze-Pisa

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Pistoia (Km. 27,4) e Montecatini..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum