Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Questo atlantico poco incisivo...

Un meccanismo inceppato all'origine di un errore previsionale frequente nei previsori.

In primo piano - 1 Luglio 2006, ore 09.40

Si, l'alta pressione qualche volta ha le smagliature, qualche volta lascia scoperte alcune zone del nostro Paese ma generalmente non tradisce mai, invece le perturbazioni tradiscono eccome. Molte volte infatti la penetrazione delle saccature tra il 44° e il 48° parallelo è difficile, molte volte l'operazione non riesce, altre volte c'è addirittura uno smembramento dei fronti e di conseguenza un ramo della perturbazione investe le Alpi, l'altro naviga verso le isole maggiori, altre volte ancora il frontenon penetra a sufficienza e rimane confinato a ridosso dell'arco alpino, agendo prevalentemente a nord di esso. Il flusso perturbato atlantico si è alzato di latitudine, e questa non è una novità, ma la cosa peggiore è che anche quelle poche perturbazioni e saccature che prima almeno riuscivano saltuariamente ad entrare oggi stentano. Anche i modelli matematici stentano a farsene una ragione prevedendo magari a distanza di 3-4 giorni situazioni perturbate che poi vengono regolarmente smentite dai fatti a poche ore dal realizzarsi della previsione o quantomeno ridimensionate. Tra le cause potrebbe certamente esserci l'innalzamento della linea di convergenza intertropicale, ma anche un parziale inceppamento della corrente del Golfo e più in generale si potrebbe ricondurre il tutto ad uno degli elementi del puzzle che confermano quella regolare oscillazione del clima che da sempre ha caratterizzato la vita del Pianeta Terra. Il Mediterraneo però ha equilibri fragili, proprio per la sua latitudine e risente di ogni minimo starnuto delle correnti. Basta ormai poco insomma per sposare situazioni climatiche "africane" (basta parlare di tropicalizzazione). La cosa buffa e divertente è che nessuno sa se questo trend continuerà oppure si interromperà improvvisamente. Era però necessario puntualizzare ancora una volta per i nostri lettori la grande difficoltà da parte dei previsori nel fare previsioni con le ormai rare perturbazioni atlantiche che si degnino di puntare sullo Stivale. Ormai ci sentiamo molto più a nostro agio con le depressioni che si formano in loco per le varie avvezioni di aria fredda.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 00.19: SS18 Tirrena Inferiore

rallentamento

Traffico rallentato, oggetti su strada nel tratto compreso tra 2,362 km dopo Incrocio Acquafredda D..…

h 00.15: A14 Pescara-Bari

rallentamento

Traffico rallentato causa trasporto eccezionale nel tratto compreso tra Lanciano (Km. 413,8) e Val..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum