Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Quanto durerà la nuova fase instabile?

A partire dalle prossime ore un piccola ma insidiosa figura di bassa pressione provocherà un deciso aumento dell'instabilità associata ad un drastico calo delle temperature. Quanto durerà la nuova fase di instabilità e quanto dovremo attendere per il ritorno dell'alta pressione?

In primo piano - 18 Aprile 2013, ore 16.50

Si trascinerà per diversi giorni l'azione del vortice depressionario che in queste ore sta iniziando ad abbordare le regioni settentrionali. Questa figura di bassa pressione andrà influenzando il tempo dello stivale con delle nuove precipitazioni che interesseranno a più riprese diverse zone italiane. L'anticiclone delle Azzorre dal canto suo contribuirà a rompere il legame della saccatura con la Jet Stream che scorrerà nel nord-ovest europeo, facendo arenare la depressione sul Mediterraneo centrale. A quel punto, non essendo più sostenuta dal getto, divengono meno chiare le traiettorie e le posizioni assunte dal cut-off durante il suo intero ciclo vitale. 

L'Italia verrà influenzata per diversi giorni da questa circolazione ciclonica, la quale tenderà lentamente a colmarsi, abbandonandosi ad un destino ancora incerto e poco prevedibile.

Secondo alcuni modelli sul lungo termine, l'azione della goccia fredda potrebbe continuare a rimanere attiva almeno sino mercoledì 24 aprile. Superata tale data, una nuova ed ampia depressione di origine atlantica, tenterebbe un aggancio con ciò che rimane del cut-off ormai invecchiato, andando a complicare nuovamente la situazione sull'Europa occidentale, con la strutturazione di un nuovo corridoio depressionario.

Questa ipotesi è stata in parte sposata sia dal modello americano GFS che da quello inglese ECMWF seppur con tempistiche diverse per i due centri di calcolo.

Quando tornerà l'alta pressione sull'Italia?

Il ritorno dell'alta pressione sul nostro Paese pare essere ancora più incerto ma nulla affatto escluso. Pare infatti che il parziale riassorbimento della goccia fredda sul Mediterraneo consentirà la formazione di una "cintura" anticiclonica che renderà più tiepida e stabile la seconda metà della prossima settimana. Le aree del Paese a beneficiare maggiormente di questo interludio anticiclonico saranno quelle settentrionali. Il centro-sud potrebbe invece essere sotto il mirino dell'instabilità pomeridiana che sarà pronta ad accendersi durante i lunghi ed assolati pomeriggi di fine aprile.

Si tratterebbe in ogni caso di una parentesi limitata a 2-3 giorni, in quanto la successiva tendenza pare orientarsi verso una nuova depressione del geopotenziale sul lato occidentale del continente, con un tipo di tempo che ben presto tornerebbe a divenire instabile sulle regioni settentrionali. Di riflesso sul mezzogiorno italiano ci sarebbe un aumento del geopotenziale con temperature in salita sino a valori piuttosto caldi.

Cosa dobbiamo aspettarci da maggio a giugno? http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/Cosa-dobbiamo-aspettarci-da-maggio-e-giugno-/41264/ di Alessio Grosso.

Seguite gli aggiornamenti.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum