Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Quanto è cambiato il clima sull'Italia dagli anni 2000?

Quello che forse molti non sanno.

In primo piano - 3 Maggio 2016, ore 11.21

Se negli anni '90 la risalita della fascia anticiclonica subtropicale iniziava ad essere evidente, negli anni successivi tale forzante è risultata determinante nel cosiddetto stravolgimento climatico sul Vecchio Continente.

L'espansione verso nord della circolazione chiusa subtropicale nota come "cella di Hadley" si è rivelata quindi un vero e proprio cavallo di battaglia del Global Warming.
 
La situazione in realtà ha visto l'anomalia vera e propria nella propensione atmosferica a frequenti blocchi delle correnti occidentali che scorrono alle medie latitudini.

Questo ha determinato un tipo di circolazione che si è rivelata prevalentemente favorevole ad invasioni di aria molto calda di origine nord-africana ma anche di situazioni opposte come è accaduto nella piovosissima estate del 2002.

L'apice dei blocchi altopressori subtropicali, seguito alla fresca estate precedente, si è manifestato senza ombra di dubbio durante l'estate più rovente del secolo, quella del 2003.

Situazione contraddittoria ma riferita alla stagione fredda si è poi ripresentata durante il nevoso inverno 2004-05 e il seguente non inverno del 2006-07.

Per quanto riguarda le anomalie invernali la causa preponderante può essere inquadrata nella immane forza del vortice polare come ci risulta dall'indice AO (oscillazione della pressione artica) molto spesso in terreno fortemente positivo.

Molto potente è risultato in particolare il suo ramo canadese, la cui importanza risiede nel fatto che esso guida l'uscita della corrente a getto e quindi delle onde depressionarie dal continente nord-americano verso l'Europa occidentale.

Da segnalare anche i prevalenti episodi di El Nino (acque più calde della norma nel Pacifico equatoriale ininterrottamente dal 2002 al 2006) e le parimenti alte temperature dell'oceano Atlantico, così come evidenziato dall'indice AMO, (oscillazione multidecennale delle temperature atlantiche) per diversi anni in terreno abbondantemente positivo.

Quest'ultimo, di concerto con il vortice canadese da una parte e dall'ingerenza anticiclonica subtropicale dall'altra (probabilmente stimolata anche dagli episodi di Nino), si è concretizzata con un indice NAO (oscillazione della pressione sul nord Atlantico) prevalentemente positivo.

In sostanza le perturbazioni hanno imboccato l'autostrada del nord Europa andando ad investire spesso la penisola Scandinava e lasciando il Mediterraneo in balia di alte pressioni, siccità e temperature più miti della norma.

A queste situazioni ne sono seguite altre diametralmente opposte con record di nevosità sulle Alpi e di precipitazioni invernali su diverse aree del Paese.

Tra gli inverni o le fasi fredde si ricordano il dicembre del 2001, la stagione 2005-2006, l'eccezionale stagione nevosa sulle Alpi del 2008-2009, il febbraio del 2012 con neve record in Adriatico, neve abbondante a Roma e freddo localmente eccezionale, l'incredibile innevamento sulle Alpi del 2013-2014 con abbattimento di record di nevosità che resistevano dal 51, la grade nevicata di fine anno sulle spiagge del sud Italia tra fine dicembre 2014 e il primo gennaio 2015, la lunga fase anticiclonica del 2015-2016.

Tra le curiosità la nevicata del 25 dicembre 2000 sulla Valpadana occidentale, Milano compresa: bianco Natale che non si verificava dal 63, la nevicata del 7 aprile a Termoli in Molise con 30cm sulla spiaggia.




 


Autore : Team di MeteoLive, adattamento e completamento di Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.52: SS28 Del Colle Di Nava

frana rallentamento

Traffico rallentato causa frana nel tratto compreso tra Incrocio Pontedassio (Km. 133,4) e Incrocio..…

h 01.42: A1 Roma-Napoli

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Pontecorvo (Km. 658,3) e Caianello (Km. 700,8) in entrambe le dir..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum