Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Quando la primavera irrompe su un mare di neve..

L'arrivo dei primi tepori sull'appennino innevato come non mai rende molto attuale un capitolo del Dottor Zivago, di Boris Pasternàk

In primo piano - 15 Marzo 2005, ore 14.46

"Prima che Jurij Andrèevic uscisse dal suo torpore, la primavera fuse e sciolse tutta la neve che era caduta a Mosca il giorno della loro partenza e che aveva continuato a cadere durante tutto il loro viaggio, e quella che per tre giorni avevano rimosso e spalato a Ust'-Nemda e che giaceva a strati spessi e sconfinati su una superficie di migliaia di verste. In un primo tempo la neve disgelò all'interno, in silenzio e in segreto. Quando una buona metà di quella immane fatica venne compiuta, non fu più possibile tenerla nascosta. E il prodigio si rivelò. Dalla coltre bianca che si fendeva l'acqua corse fuori e cantò. I fondi, impraticabili antri del bosco trasalirono e fu tutto un risveglio. L'acqua trovava libero sfogo: si precipitava giù dai burroni, si spandeva in stagni, si riversava dovunque. Presto il bosco si riempì del suo rombo, del suo fumido vapore. Nella foresta i torrenti strisciavano come serpi, si impantanavano ed affondavano nella neve che ne legava i movimenti, scorrevano sibilando per i pianori, precipitavano alzando un pulviscolo d'acqua. La terra ormai non poteva più assorbire l'umidità. Da altezze vertiginose, quasi dalle nubi, se ne abbeveravano invece con le loro radici gli abeti secolari, ai cui piedi si depositava una schiuma bruna che s'asciugava in tanti cerchi, come la schiuma della birra sulle labbra e sui baffi. La primavera inebriava il cielo, che ne era stordito e si copriva di nuvole. Sopra le foreste navigavano basse nubi di feltro dai lembi sfilacciati che a momenti si abbattevano in tiepidi acquazzoni con un odore di sudore e di terra, a spazzar via gli ultimi resti della nera, squarciata corazza di ghiaccio. Jurij Andrèevic si sveglio, si chinò verso lo sportello quadrato del finestrino, da cui era stata tolta l'intelaiatura, e, appoggiato a un gomito, si mise in ascolto" Come il dottor Zivago, silenziosi ed ammirati, mettiamoci anche noi in ascolto...

Autore : Alberto Capeccioni

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 16.55: S01 Strada Grande Comunicazione Fi-Pi-Li (per Livorno)

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Lastra A Signa (Km. 5) e Alla..…

h 16.54: A14 Bologna-Ancona

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Forli' (Km. 81,6) e Cesena Nord (Km. 93,6) in entrambe le direz..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum