Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Quando il temporale SCONFINA: il caso di ROMA

In questi giorni si notano spesso temporali sconfinanti dall'Appennino fino alle coste del Tirreno, Roma compresa...

In primo piano - 20 Agosto 2018, ore 08.11

Spesso nelle previsioni e nei bollettini vengono citati i "possibili sconfinamenti temporaleschi sulle pianure e sulle coste".

I temporali nel periodo estivo tendono a privilegiare i rilievi a scapito delle zone litoranee e delle pianure. Ovviamente se sulla nostra verticale sta transitando un fronte, lampi e tuoni possono presentarsi anche altrove, ma tra la tarda primavera e l'estate è un'evenienza abbastanza rara.

Se l'alta pressione al suolo non è supportata in quota dalla medesima figura, le correnti aeree possono talora essere vivaci.

I temporali, di conseguenza, nascono sui rilievi, ma vengono trasportati verso zone relativamente lontane dalle correnti sopra citate. Se il temporale è particolarmente intenso, può arrivare ad interessare anche la fascia costiera pur avendo una genesi appenninica.

Un tipico esempio riguarda i temporali che a volte si presentano a Roma nei pomeriggi tardo-primaverili o estivi. Questi si generano sull'Appennino, ma vengono trasportati da correnti orientali verso la Capitale, dove possono assumere carattere di forte intensità.  Se in prossimità della fascia costiera è presente una vento contrario rispetto a quello dominante in quota ( ad esempio da ovest o da sud-ovest), il temporale può rimanere integro fino al mare.

Roma è circondata da rilievi, appenninici i più lontani, contrappenninici i più vicini e spesso sono questi ultimi un punto d'innesco importante dei moti convettivi che riguardano la Capitale. Le catene dei Volsini, Cimini e Sabatini coinvolgono con la loro convezione soprattutto i settori nord-orientali della città.

Altri temporali che coinvolgono la Capitale partono dal complesso Monti della Tolfa-Volsini e riescono a raggiungere il centro città con cumulate tra i 10 e i 15mm.

Infine non va dimenticato il contributo al coinvolgimento dei settori meridionali della città apportato dal complesso del Vulcano Laziale (Colli Albani), spesso e volentieri in associazione con Lepini ed Ausoni. Anche in questo caso le incudini giungono ancora attive su tutti i settori meridionali della città, specie quando ricevono "alimentazione" dall'instabilità che giunge dal contrappennino laziale-abruzzese.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum