Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Qualche giorno di anticiclone, poi un brusco cambiamento

Aria fresca/fredda di origine nord europea farà breccia sul bacino del Mediterraneo entro la giornata di venerdì 15 maggio, portando effetti dapprima al nord, poi anche al centro-sud. Prevista instabilità ed un calo diffuso delle temperature. Vediamo nel dettaglio.

In primo piano - 11 Maggio 2015, ore 17.15

Questa seconda decade di maggio, esordisce con l'alta pressione che determina una parentesi abbastanza prolungata di tempo caldo e stabile. Ne risulta un tipo di tempo molto simile all'estate, anche se di fatto, sinotticamente parlando, siamo ancora abbastanza lontani dall'avere un pattern estivo vero e proprio. In questo frangente l'aria calda anticiclonica riesce ad espandersi efficacemente anche sulle regioni settentrionali italiane, portando un po' ovunque un aumento della temperatura sensibile specie nelle zone interne. L'alta pressione, come abbiamo più volte ribadito, presenta un'origine ibrida, africana ed oceanica, sarà quindi in grado di determinare un picco termico abbastanza elevato, soprattutto tra domani, martedì 12 e mercoledì 13 maggio.

Scacco matto all'alta pressione.

Un brusco cambiamento del tempo interverrebbe tra venerdì 15 maggio ed il prossimo fine settimana, quando l'Italia sarà raggiunta da un impulso d'aria molto instabile che obbligherà l'alta pressione ad una improvvisa ritirata, lasciando il Mediterraneo centrale in balia degli eventi portati dalle masse d'aria ancora piuttosto fredde di origine nord europea. Le prime avvisaglie di cambiamento sulle regioni settentrionali già entro giovedì 14, quando il cielo si popolerà di nubi stratificate a quota medio-alta.

Seguirà un vero e proprio cambiamento delle condizioni atmosferiche atteso tra la notte di giovedì e la mattinata di venerdì 15 sulle regioni settentrionali, difficile al momento stabilire l'esatta locazione dei fenomeni. Probabile estensione dell'instabilità alle regioni centrali e meridionali nelle ore immediatamente successive (weekend sabato 16 - domenica 17) con fenomeni concentrati soprattutto nelle zone interne ma possibili anche in costa. Su quest'ultimo punto dobbiamo ancora fare i conti con un certo margine di incertezza poichè risulta ancora poco chiaro l'effettivo comportamento della depressione, una volta che quest'ultima avrà fatto breccia sul bacino del Mediterraneo.

Evoluzione successiva
.

Il passaggio instabile del prossimo weekend, sembrerebbe funzionare un po' da spartiacque tra quello che abbiamo potuto osservare sinora e quello che invece potrebbe riservarci la seconda metà di maggio, laddove gli scenari atmosferici porterebbero alla ribalta situazioni di instabilità frequenti ed un quadro termico allineato alle medie del periodo.

Staremo a vedere.

Seguite gli aggiornamenti.




 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum