Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Prospettive per il il prossimo WEEK-END: sabato incerto, domenica perturbata

Sabato la rotazione delle correnti dai quadranti sciroccali porterà sull'Italia masse d'aria miti ma molto umide, prodromi di un guasto più serio atteso per la giornata di domenica.

In primo piano - 8 Marzo 2011, ore 10.02

Pochi giorni di alta pressione, giusto il tempo per riassaporare un po' di primavera, ed ecco subito all'orizzonte nuove nubi e nuove piogge. La manovra che porterà a quello che si preannuncia fin d'ora come un vero e proprio guasto farà capo all'affondo di una saccatura nord-atlantica tra la penisola Iberica e le isole Baleari.

Tutto avverrà tra venerdì e domenica, ma sull'Italia i primi sentori tangibili del nuovo cambiamento si avvertiranno sabato: cieli che si chiudono, vento che rinforza da Scirocco ad iniziare dai bacini di ponente, per poi propagarsi a tutta l'italia, temperature che aumentano, soprattutto al centro e al sud. Ecco pronti tutti gli ingredienti della nuova fase perturbata post-invernale.

Domenica dunque il guasto: entro il pozzo depressionario, collocato a cavallo delle isole Baleari, si inseriranno diversi sistemi frontali a impulsi successivi, i quali sventaglieranno sull'Italia piogge estese e talora anche abbondanti. Bene o male tutti ne verremo interessati, anche se la dose maggiore di queste piogge dovrebbe spettare di diritto al nord e alle regioni tirreniche, quella minore probabilmente al basso Adriatico.

E la neve? Beh questa volta i fiocchi cadranno abbonanti sulle Alpi, e a quote neanche tanto elevate, dato che la modellistica ci indica come livello medio una forbice compresa tra 800 e 1200 metri. Ben diversa la situazione sul resto del Paese, dove la neve volerà a quote elevate in Appennino, probabilmente non sotto i 1900-2000 metri.

La situazione verrà condita da sostenuti venti di Scirocco che agiteranno i nostri mari soprattutto al largo, ma dando luogo anche al rischio di mareggiate lungo le coste ioniche, mentre la spinta delle onde entro l'imbuto adriatico potrà favorire il fenomeno dell'acqua alta sul sistema lagunare veneto.

Una situazione pesante che sembra confermarsi di ora in ora, sicuramente da non sottovalutare, date anche le vicende pregresse che sull'Italia vedono ancora suoli innevati fino a bassa quota i quali andranno incontro a un rapido disgelo con tutte le conseguenze del caso.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum